cerca CERCA
Lunedì 25 Ottobre 2021
Aggiornato: 03:42
Temi caldi

M5S: fibrillazioni a Senato, Grillo e Casaleggio su linea dura, meglio perdere pezzi

28 febbraio 2014 | 19.17
LETTURA: 3 minuti

Fibrillazioni nel M5S sui senatori dimissionari indotti al passo indietro dall'espulsione di 4 colleghi. Maurizio Romani, Alessandra Bencini, Monica Casaletto, Maria Mussini e Laura Bignami i nomi sul tavolo. Tra loro c'è anche l'espulso Luis Alberto Orellana, ma il senatore di origini venezuelane è ormai considerato fuori dal gruppo M5S: "per i 4 siamo già in modalità 'delete'", dice duro un senatore. Ora ci si interroga su quel che accadrà, una domanda che crea parecchie fibrillazioni a Palazzo Madama. Ammesso e concesso che i dimissionari tornino sui loro passi.

Romani, Bencini e Mussini ieri hanno preso parte all'assemblea dei senatori stellati e lasciato intendere che un margine per ricucire ci sarebbe. "Già il fatto che siano venuti alla riunione - confida un senatore - ci lascia sperare che la cosa possa rientrare". Oggi le parole affidate a Fb da Romani sembrerebbero confermarlo. "Nel caso le mie dimissioni venissero rifiutate - scrive infatti il senatore toscano - resterò nel gruppo del MoVimento 5 Stelle, a lavorare come sempre nello spirito di politica dal basso in cui credo". Ma non tutti, tra i pentastellati, sembrano gradire. Alcuni addirittura speravano che l'uscita dal gruppo di Romani e gli altri venisse già ratificata dalla riunione di ieri.

"Se uno è fuori è fuori - dice un fedelissimo - non puoi rassegnare le dimissioni per mancanza di democrazia e poi presentarti in riunione come nulla fosse. Se fosse stato per me, li avremmo già sbattuti fuori ieri". Linea dura, dunque, la stessa perseguita da Grillo e Casaleggio. Chi li ha sentiti in questi giorni assicura che la strategia, per loro, non è cambiata di una virgola. Anzi. Non temono defezioni, "meglio restare in due -le parole di Grillo riportate all'Adnkronos- perdere pezzi che indeboliscono. Una slavina crea danni ma mette in sicurezza la montagna. E qui siamo in guerra, fuori dai Palazzi il Paese brucia". (segue)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza