cerca CERCA
Mercoledì 01 Dicembre 2021
Aggiornato: 08:06
Temi caldi

Processo Capaci-bis, confermati 4 ergastoli e un’assoluzione

21 luglio 2020 | 19.28
LETTURA: 2 minuti

La sentenza è stata emessa dalla Corte d'assise d'appello di Caltanissetta. Secondo l'accusa, gli imputati avrebbero svolto un ruolo fondamentale sia nella fase organizzativa dell'attentato sia nel reperimento dell'esplosivo piazzato sull'autostrada il 23 maggio del 1992

alternate text
(Foto Fotogramma)

Quattro ergastoli e un’assoluzione per il processo d’appello Capaci-bis. La sentenza è stata emessa pochi minuti fa dalla Corte d'assise d'appello di Caltanissetta, presieduta da Andreina Occhipinti che ha confermato la sentenza di primo grado. Alla sbarra cinque imputati: Salvatore "Salvino" Madonia, Vittorio Tutino, Giorgio Pizzo, Cosimo Lo Nigro e Lorenzo Tinnirello. L’unica assoluzione è quella di Vittorio Tutino, come in primo grado. Per tutti gli imputati, al termine della requisitoria fiume, il Procuratore generale di Caltanissetta Lia Sava aveva chiesto la condanna all'ergastolo.

Secondo l'accusa, gli imputati avrebbero svolto un ruolo fondamentale sia nella fase organizzativa dell'attentato sia nel reperimento dell'esplosivo piazzato sull'autostrada il 23 maggio del 1992 quando vennero uccisi il giudice Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e i tre agenti di scorta. La sentenza è stata emessa all’aula bunker del carcere Malaspina di Caltanissetta dopo cinque ore di camera di consiglio. In primo grado quattro dei cinque imputati, tranne Vittorio Tutino, furono condannati all'ergastolo, mentre Tutino fu assolto per non aver commesso il fatto. Per l'accusa il boss mafioso Salvo Madonia fu uno dei mandanti della strage mentre gli altri avrebbero ricoperto un ruolo esecutivo.

Il materiale, per l'accusa, era stato procurato da Lo Nigro attraverso contatti con pescatori di Porticello che avevano recuperato in mare ordigni inesplosi della seconda guerra mondiale. Le responsabilità organizzative e operative della strage di Capaci erano già state fissate nel primo processo concluso il 26 settembre 1997 con 24 ergastoli per il Gotha di Cosa nostra, da Totò Riina, Bernardo Provenzano, Francesco e Giuseppe Madonia, Pippo Calò, Pietro Aglieri e altri componenti della Cupola mafiosa.

In appello si aggiunsero altri cinque ergastoli. Il 16 settembre 2008 la Cassazione aveva confermato le condanne e chiuso il primo filone processuale per la strage di Capaci. In primo grado quattro dei cinque imputati, tranne Vittorio Tutino, furono condannati all'ergastolo, mentre Tutino fu assolto per non aver commesso il fatto.

Per fare luce sulle "zone d’ombra della strage di Capaci" dovrebbero "parlare anche alcuni esponenti delle istituzioni dell’epoca che potrebbero dare un contributo per la verità". E quanto dice il Procuratore generale di Caltanissetta Lia Sava. "Dovrebbero anche parlare personaggi di Cosa nostra che sono ancora al 41 bis e anche loro potrebbero dare un contributo", ha aggiunto.

"Le indagini sulle stragi mafiose del ‘92 non si fermano. Sia la Procura di Caltanissetta che la Dna continuano a fare indagini", ha detto ancora Sava. "E chiaro che i processi arrivano quando ci sono elementi di prova", ha affermato.

"Dopo 28 anni bisognerebbe leggere nuovamente tutto l’imminente materiale sulla strage di Capaci e cercare di legarlo insieme - ha detto ancora il Procuratore generale di Caltanissetta - Un ultimo sforzo per cercare di arrivare al completamento totale della verità e quindi ad avere la possibilità di voltare pagina quando tutte le zone d’ombra sono state dipanate".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza