cerca CERCA
Lunedì 24 Gennaio 2022
Aggiornato: 16:55
Temi caldi

Calcio

Spalletti: "Manichini? Non tifosi ma persone deviate"

06 maggio 2017 | 14.35
LETTURA: 2 minuti

alternate text
(Afp) - AFP

"L'episodio dei manichini non appartiene né ai tifosi della Roma, né a quelli della Lazio e né a chi in generale ama questo sport. Sono persone deviate che hanno dei problemi". Il tecnico della Roma, Luciano Spalletti, si esprime così sull'episodio avvenuto due giorni fa al Colosseo.

Alla vigilia della sfida di campionato contro il Milan, il tecnico Spalletti dice: "Se arriviamo secondi è come aver vinto lo scudetto. E il terzo posto vuol dire comunque essere dentro le posizioni nobili, non un fallimento". "La Juve in questo campionato ha detto che nessuno può mettere mano al primo posto. Rimane il secondo posto che vale l'accesso diretto alla Champions e ce lo giochiamo col Napoli, che è tra le squadre più forti d'Europa. Vuol dire che tanto male non abbiamo fatto", evidenzia Spalletti, secondo il quale il Napoli "è la squadra che tutti vorrebbero avere in questo momento". Nemmeno chiudere la stagione al terzo posto per il tecnico giallorosso sarebbe sinonimo di un flop: "Andatelo a chiedere ad altre squadre che hanno iniziato la stagione con lo stesso obiettivo se per loro sarebbe un fallimento", sottolinea Spalletti.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza