Cerca

Dieselgate, Delrio: "Veicoli Fca Euro 6 conformi a normativa"

ECONOMIA
Dieselgate, Delrio: Veicoli Fca Euro 6 conformi a normativa

(Afp)

I veicoli Euro 6 di Fca sottoposti alle verifiche in merito alle emissioni inquinanti "a differenza di quanto sostenuto dalla Germania sono confermi alla normativa vigente". E, "in particolare, sui veicoli non è stato riscontrato alcun sistema di manipolazione defeat device non ammesso alla vigente normativa". A sottolinearlo il ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Graziano Delrio, riferendo, nel corso di un'audizione alla Camera sull'efficacia del sistema di controllo sui livelli dei veicoli, dell'esito delle verifiche effettuate, nell'ambito del contenzioso tra Italia e Germania, dalla Direzione Generale della Motorizzazione Civile.


Nella primavera del 2016, ha ricordato Delrio, "l'Autorità di omologazione tedesca, Kba, ha chiesto alla corrispondente Autorità italiana di verificare il rispetto della conformità del veicolo Fiat 500X e successivamente anche per i veicoli Fiat Doblò e Jeep Renegade, tutti Euro 6, alle prescrizioni in materia di emissioni inquinanti", ha ricordato Delrio. La Direzione Generale della Motorizzazione ha svolto, quindi, le sue verifiche, dalle quali si evince la conformità di questi veicoli alle normative vigenti.

"Infatti, sulla base della norma vigente si è in presenza di un defeat device vietato quando si registra un comportamento nettamente diverso del veicolo in termini emissivi tra la prova al banco e quella su strada, (cioè software in grado di riconoscere le prove effettuate sul banco per abbassarne le emissioni prodotte durante la prova stessa) come è stato nel caso Volkswagen ma non nei veicoli del gruppo Fca provati".

"La mediazione della Commissione Europea si sta evolvendo in modo che si può ritenere positivo, riconoscendo la posizione italiana", ha continuato il ministro parlando ancora del contenzioso tra Italia e Germania.

Delrio ha ricordato la riunione del comitato di mediazione del 2 febbraio scorso "al termine della quale - ha riferito - la Commissione ha preso atto delle iniziative poste in essere da parte italiana e non ha ravvisato la necessità di ulteriori incontri di mediazione. Infatti, anche la parte tedesca ha preso atto di quanto asserito dal Mit in merito al miglioramento delle prestazioni ambientali dei veicoli di Fca, a seguito dell'azione volontaria dello stesso costruttore, che verrà a breve confermato per iscritto. Ciò - ha evidenziato il ministro - dovrebbe costituire con ogni probabilità il presupposto per risolvere favorevolmente il contenzioso tra Italia e Germania".

"A seguito del dieselgate del settembre 2015 - ha continuato Delrio -, il ministero delle Infrastrutture e Trasporti ha avviato da gennaio 2016 una campagna di verifica sulle emissioni di 18 veicoli (17 modelli)" e "dai nostri test al momento non è stata riscontrata alcuna presenza di dispositivi di manipolazione delle emissioni vietati, invece presenti su veicoli Volkswagen come ammesso dallo stesso produttore".

"Parallelamente - ha ricordato Delrio - sono stati sottoposti a test 7 modelli del costruttore Volkswagen per i quali è in corso un'indagine giudiziaria da parte della Procura di Verona. Complessivamente quindi i test del Mit riguardano 28 veicoli (24 modelli)".

"Il rapporto di prova sui 18 veicoli - ha spiegato Delrio - oggi può considerarsi definitivo e se ne prevede a breve la pubblicazione della versione definitiva, ovvero completato anche dei risultati di alcune prove su veicoli Fca che al momento della pubblicazione del 27 luglio erano ancora in corso".

"Sulle emissioni - ha puntualizzato Delrio - l'Italia non ha nulla da nascondere".



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.