cerca CERCA
Domenica 07 Agosto 2022
Aggiornato: 10:27
Temi caldi
SPECIALE
Cancro, le nuove frontiere dei trattamenti in Oncologia e Ematologia

Cancro, le nuove frontiere dei trattamenti in Oncologia e Ematologia

Tumori, in 6 anni -10% morti negli uomini e -8% nelle donne con terapie precoci

In Italia, in 6 anni (2015-2021), la mortalità per cancro è diminuita del 10% negli uomini e dell'8% nelle donne. Sono 3,6 milioni i cittadini che vivono dopo la diagnosi, e un paziente su 4 (oltre 900mila persone) ha la stessa aspettativa di vita della popolazione generale e può essere considerato guarito. La strada verso la cronicizzazione è stata aperta dai tumori del sangue: oggi, infatti, il 70% dei pazienti colpiti da patologie onco-ematologiche è vivo a 10 anni dalla diagnosi o può essere ...

Santoro (Humanitas): 'Oggi 70-80% pazienti con linfomi guarisce'

"I tumori del sangue sono tantissimi, completamente diversi, e quindi anche con prognosi diverse. Tra i più frequenti troviamo i linfomi, per i quali oggi il 70-80% dei pazienti guarisce, indipendentemente dal sesso e da altre caratteristiche. Per altre malattie, come il mieloma e mielodisplasie, abbiamo ottenuto un nettissimo prolungamento della vita grazie a nuovi farmaci così nelle leucemie stiamo assistendo in questi ultimi anni ad una rivoluzione con un miglioramento della percentuale di gua...

alternate text

Merletti (AstraZeneca): 'Investiamo per essere leader oncoematologia'

“Astrazeneca ha un forte impegno nella ricerca clinica in oncoematologia che deriva da un portfolio importante e destinato a crescere: parliamo di più di 50 soluzioni terapeutiche che arriveranno ai pazienti entro il 2025. Attualmente in Italia ci sono più di 80 studi clinici tra fase 1 fase 2 e fase 3, tra cui studi nelle fasi precoci della malattia quindi con potenziale intento curativo. Inoltre, abbiamo oltre 20 studi in patologie ematologiche, stiamo investendo moltissimo per diventare leader...

alternate text

Cinieri (Aiom): 'Prevenzione cancro seno anche prima dei 50 anni'

“La prognosi del tumore alla mammella sia negli uomini che nelle donne cambia ogni giorno con ogni nuova conoscenza che noi assumiamo. In Italia avremo nel 2022 55mila casi di tumori alla mammella con una età che si abbassa sempre di più. Fondamentale intervenire tempestivamente. Vorrei fare un appello alle donne: sottoponetevi a screening, autopalpazione, anche prima dei 50 anni perché è importante fare diagnosi precoce. Anche i tumori più aggressivi se presi in tempo hanno una prognosi migliore...

ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza