cerca CERCA
Mercoledì 07 Dicembre 2022
Aggiornato: 00:12
Temi caldi
SPECIALE
3° Congresso nazionale Uiltec

3° Congresso nazionale Uiltec

Daniela Piras eletta segretaria generale della Uiltec nazionale

Daniela Piras è la nuova segretaria generale della Uiltec, eletta all’unanimità oggi, a Bari, al termine dei lavori del terzo Congresso nazionale del sindacato dei lavoratori tessili, dell’energia e della chimica. Classe 1977, nata ad Iglesias, prima funzionaria, poi segretaria nazionale, infine segretaria generale aggiunta, succede a Paolo Pirani che guidava la categoria sindacale dal 25 gennaio 2013.

alternate text

Lavoro, Bombardieri: 'Prima richiesta che presenteremo a nuovo governo'

"Il lavoro, l'emergenza lavoro, il Paese ha bisogno di lavoro stabile, sicuro e ben pagato e soprattutto chi è rimasto indietro ha bisogno di risposte sulla perdita di potere di acquisto delle buste paga". E' la prima richiesta che la Uil presenterà al nuovo governo come ha spiegato il segretario generale della Uil, Pierpaolo Bombardieri, arrivando al congresso della Uiltec in corso a Bari.

alternate text

Piras: 'Sostenere spina dorsale industria e dare risposte a lavoratori'

"Come organizzazione sindacale noi vogliamo contribuire a definire la linea rispetto alle sfide che il nostro Paese sta affrontando. La Uiltec parteciperà in modo attivo e con convinzione al confronto sulla transizione energetica, sulla transizione climatica, sulla transizione digitale, per dare forza a quella spina dorsale industriale che in questo momento ci sembra non abbia l'attenzione giusta e necessaria. Bisogna dare immediatamente risposte ai lavoratori che rappresentiamo, che stanno pagan...

alternate text

Infortuni, Veronese (Uil): 'Tema sicurezza centrale, più cultura, controlli e formazione'

"Salute e sicurezza sul lavoro è un tema centrale, emergenziale, che purtroppo nella campagna elettorale non ha trovato spazio. La parola d'ordine è la cultura che non c'è e va creata a patire dalle scuole. E poi i controlli nelle aziende. Bisogna finirla con lo sfruttamento sul lavoro, con i finti tirocini. E poi la formazione che va fatta prima di entrare nei luoghi di lavoro e deve essere di qualità". Così Ivana Veronese, segretario confederale della Uil, in video collegamento con il congresso...

alternate text

Pensioni, Proietti (Uil): "Diremo al governo che 41 anni di contributi bastano al di là di età"

"Lo scalone c'è già stato anche questo anno con quota 102. Ricordiamo al governo che dobbiamo definire una flessibilità più diffusa attorno ai 62 anni, non tutti i lavori sono uguali sia per aspettativa di vita che per tasso di infortuni e contemporaneamente bisogna stabilire che 41 anni di contributi bastano per accedere alla pensione a prescindere dall'età". Lo dice Domenico Proietti, segretario confederale Uil, a margine del congresso della Uiltec in corso a Bari, interviene sul tema delle pen...

alternate text

Bocchi (Uil): 'Serve subito tavolo su emergenze e futuro Paese'

"Noi ci auguriamo che con il prossimo governo nei tempi più brevi possibili ci si possa sedere intorno a un tavolo per affrontare sì le emergenze, a partire da quella energetica, ma anche per dare finalmente un'idea di sviluppo al Paese, sostenendo la buona impresa". Così, a margine del congresso nazionale della Uiltec in corso a Bari, Tiziana Bocchi, segretaria confederale della Uil, sulle misure da mettere in campo per sostenere le imprese e il lavoro, conversando con Adnkronos/Labitalia.

alternate text

Loy (Civ Inail): "Trend infortuni preoccupa nonostante passi avanti in alcuni settori"

"Il problema non solo dei morti sul lavoro ma in generale degli infortuni, con questo trend che non accenna a crescere, anzi gli ultimi dati parlano di 600mila infortuni. E questo è grave nonostante i passi in avanti, più in alcuni settori produttivi rispetto ad altri. Il grosso problema sono le piccole e piccolissime imprese che in cui la cultura della sicurezza, gli interventi sulla prevenzione, l'innovazione tecnologica sono più scarsi e fragili e quindi l'illegalità del lavoro è più diffusa e...

alternate text

Stefania Craxi: 'Putin? animale feroce chiuso in un angolo può anche mordere'

"Un animale feroce chiuso in un angolo può anche mordere. Indubbiamente stiamo assistendo a una escalation non sono del conflitto ma anche dell'impossibilità di una trattativa. Aver decretato come russe le regioni ucraine conquistate è un segnale molto chiaro da parte di Putin". Così, con Adnkronos/Labitalia, Stefania Craxi, presidente uscente della commissione Esteri al Senato e già sottosegretaria agli Esteri, a margine del congresso nazionale della Uiltec a Bari, commenta l'evoluzione del conf...

alternate text

Bottaro (Uiltec): 'Bene Tabarelli, servono investimenti e assunzioni in raffinerie'

"Dopo la crisi del Covid, gli utili che si stanno producendo in questo periodo nel settore non si sono mai visti prima e crediamo che questi utili debbano servire per creare occupazione e sviluppo nel Paese. Nel settore non si investe da tempo, basti pensare al territorio di Siracusa in cui insistono 3 raffinerie e che ha visto l'ultimo investimento nel 1970. Tabarelli, da esperto del sistema, sostiene che servirebbero più raffinerie. Il rischio è che noi in futuro chiuderemo le nostre raffinerie...

alternate text

Energia, Stefania Craxi: 'Agire subito, scostamento bilancio non sia tabù'

"Serve un intervento urgente per creare un fondo per sostenere in questo momento il sistema europeo davanti a questa crisi energetica. E il governo italiano non può in assenza di un rapido intervento europeo non intervenire immediatamente. Penso che anche ragionare su uno scostamento di bilancio non debba essere un tabù perchè noi rischiamo molto di più in termini di cassa integrazione tra qualche mese rispetto a uno scostamento di bilancio adesso. Certo serve un piano energetico nazionale e quan...

alternate text

Energia, Grioli (sindacato tedesco Igbce): 'In Germania tantissime imprese in crisi liquidità'

"La situazione in Germania per le imprese è molto difficile, tante sono in crisi di liquidità e rischiano di chiudere nei prossimi mesi se non si troverà una soluzione al prezzo del gas. In particolare nei settori della ceramica, del vetro e della carta. E anche nel nostro comparto di riferimento quello della chimica ci sono difficoltò con tante aziende che sono rimaste ferme e il governo tedesco ha messo in campo 42 miliardi di euro per evitare che le persone restassero disoccupate". Così France...

ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza