cerca CERCA
Lunedì 20 Settembre 2021
Aggiornato: 23:48
Temi caldi

Olimpiadi

Tokyo 2020, scherma: Garozzo d'argento nel fioretto

26 luglio 2021 | 14.39
LETTURA: 2 minuti

In lacrime l'atleta siciliano, battuto in finale dallo schermidore di Hong Kong Cheung Ka Long. Azzi: "Risultati non soddisfacenti, ma Garozzo ha fatto una grande gara"

alternate text
Afp

Daniele Garozzo ha vinto la medaglia d'argento nel torneo olimpico di fioretto maschile ai Giochi di Tokyo 2020. Il siciliano è stato battuto in finale dallo schermidore di Hong Kong Cheung Ka Long con il punteggio di 15-11. Per l'azzurro che aveva vinto l'oro a Rio 2016 un amaro argento. Per l'Italia è la nona medaglia a Tokyo. In lacrime Garozzo, con le mani sul volto e consolato dal suo allenatore dopo la finale persa.

Leggi anche

"Non è un giro di gare individuali che ci soddisfa, è inutile nascondersi, i quarti posti sarebbero punti e brucerebbe di meno ma non ad una olimpiade. Le squadre sono tutte competitive, i ragazzi ci tengono, per alcuni le squadre sono l'obiettivo primario: ora ci aspettiamo una risposta, sicuramente ci giochiamo molto nei prossimi giorni". Commenta così i risultati sotto le aspettative in questi primi giorni di gare il presidente della Federscherma, Paolo Azzi dopo l'argento di Garozzo nel fioretto maschile.

"Premesso che è una olimpiade strana, ci mancavano tutti i punti di riferimento della stagione. Abbiamo fatto una sola gara, non ci saremmo mai aspettati una finale con tutti gli americani fuori. I ragazzi la preparazione l'anno fatta ma non è facile farlo senza lo stimo della gara, però il percorso è stato fatto al meglio ed in alcuni casi ci si è messa la sfortuna", prosegue Azzi.

"Io ieri avrei voluto giocarmele tutte e due le chance Errigo e Volpi, è stata questione di un sorteggio del giorno prima, oggi Foconi è incappato su Cheung che è un avversario che soffre particolarmente. Rimproveri dal punto di vista di lavoro e impegno i ragazzi non ne meritano, e spero che ora lo dimostrino nelle prove a squadre", sottolinea.

"Deluso non è la parola giusta, deluso è quando sbagli ma Daniele ha fatto una grande gara. Certo, sta benedetta medaglia d'oro che si fa aspettare ci manca ma Garozzo ha poco da rimproverarsi, lui è un grande combattente, faceva un po' fatica a spingere per quel problema avuto nell'assalto precedente, e probabilmente ha perso un filo di sicurezza. Quando è riuscito a spingere in fondo l'avversario l'ha sempre toccato. Cheung ha fatto una gara straordinaria e bisogna riconoscerne il merito", aggiunge Azzi.

"Garozzo non so se ha avuto un risentimento o dei crampi alla gamba, faceva fatica a spingere, avanzando era costretto a fare un passo in più perché non aveva la spinta sull'affondo e sicuramente questo gli ha complicato la vita, era partito forte ma l'avversario è stato bravo a variare la distanza ed ha saputo cambiare", conclude.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza