cerca CERCA
Mercoledì 27 Ottobre 2021
Aggiornato: 20:27
Temi caldi

Unioni civili, via libera dal Consiglio di Stato: il primo 'sì' entro Ferragosto

21 luglio 2016 | 15.05
LETTURA: 3 minuti

alternate text
(Fotogramma)

Il Consiglio di Stato ha dato via libera, a partire da stamani, all'istituzione con decreto del registro delle unioni civili di coppie omosessuali. Da oggi, dunque, il provvedimento è attuativo, anche se occorrerà considerare la tradizionale 'vacatio legis' di quindici giorni, nonché i cinque giorni necessari al ministero dell'Interno. L'annuncio è arrivato nel corso della conferenza convocata a palazzo Spada dal presidente del Consiglio di Stato Alessandro Pajno.

"Era un provvedimento urgente, ampiamente atteso - sottolinea Franco Frattini, presidente della sezione atti normativi del Consiglio di Stato -. Abbiamo acceso la luce sul nuovo istituto di stato civile, su cui ora si esprimerà anche il garante della Privacy. Mi auguro che la concreta operatività, già prima di Ferragosto, possa consentire di attuare il diritto di coloro che stanno richiedendo di costituire un'unione civile, che trova il suo fondamento nel principio costituzionale delle formazioni sociali garantite, ancorché si tratti di un istituto diverso dal matrimonio".

Quanto alla possibilità per i sindaci di esercitare l'obiezione di coscienza, "la legge non ne parla esplicitamente - ricorda Frattini - In ogni caso, il testo legislativo fa riferimento non ai sindaci in particolare ma parla di ufficiali di stato civile: si tratta di una platea talmente ampia, da garantire comunque l'applicazione della norma".

CIRINNA' - "Siamo molto soddisfatti per il fatto che il Consiglio di Stato abbia confermato il buon lavoro del governo e del Parlamento, dando il suo via libera alle unioni civili".Così Monica Cirinnà, la parlamentare del Pd prima firmataria del disegno di legge. "Il testo, che si richiamava agli articoli 2 e 3 della Costituzione italiana, è stato sostanzialmente approvato dai giudici amministrativi di palazzo Spada".

Cirinnà sottolinea poi che, a proposito della ventilata possibilità per i sindaci di appellarsi all'obiezione di coscienza, "sia il presidente del Consiglio di Stato Alessandro Pajno che il presidente della sezione atti normativi Franco Frattini hanno dichiarato apertamente che non è possibile in nessun modo che nei Comuni non venga applicata la legge, perché un ufficiale dell'anagrafe dello stato civile dovrà comunque registrare l'unione civile".

Dunque, "la prima trascrizione sarà possibile già da prima di Ferragosto. I sindaci, a partire da domani, prendano le prenotazioni - chiede l'esponente del Partito democratico -. Arriverà a giorni la modulistica dal ministero dell'Interno. E finalmente, da Ferragosto, confetti arcobaleno per tutti!", esulta Cirinnà.

ROMA, PRIME UNIONI GIA' A SETTEMBRE - "L'amore vince sempre! Questa è una bella notizia" dichiara in una nota Imma Battaglia, leader storica del movimento Lgbt."Gli uffici dell'anagrafe stanno già studiando tutte le procedure da preparare per essere pronti a celebrare le prime unioni già dalla prima settimana di settembre: agli orrori delle violenze, degli attentati, delle stragi e dell'epurazioni l'Italia risponde con le Unioni Gay!".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza