cerca CERCA
Sabato 18 Settembre 2021
Aggiornato: 09:08
Temi caldi

Universita': Udu e Rete studenti, riforma accesso deve essere vera, no a spot elettorali

21 maggio 2014 | 17.25
LETTURA: 3 minuti

Roma, 21 mag. (Adnkronos Salute) - "Siamo felici che finalmente si voglia rimettere in discussione la lotteria dei test d'ingresso, come da anni chiediamo, ma qualsiasi riforma deve partire dal dialogo con gli studenti e dall'apertura immediata di un tavolo di confronto". E' quanto afferma Alberto Irone, portavoce nazionale della Rete degli studenti medi, commentando l'annuncio del ministro dell'Istruzione, Università e Ricerca, Stefania Giannini, di voler superare i test per l'accesso ai corsi di laurea a numero programmato e di voler definire entro liglio le nuove modalità. "Il tema dell'accesso all'università è molto delicato perché condiziona il futuro di decine di migliaia di giovani, e non può essere affrontato frettolosamente o con scelte unilaterali del ministero", avverte.

"Innanzitutto - fa eco Gianluca Scuccimarra, coordinatore nazionale dell'Unione degli universitari - il ministro non nega minimamente la programmazione degli accessi, mentre secondo noi la prospettiva è necessariamente quella di un sistema aperto, che garantisca a tutti la libera scelta del proprio percorso di studio, superando la logica per cui il diritto all'accesso e alla conoscenza è subordinato alla programmazione del fabbisogno di professionalità. Si parla poi in maniera molto semplicistica del 'modello' francese, senza affrontare le reali implicazioni e, soprattutto, i limiti. Il sistema adottato in Francia, infatti, è impostato su una rigida selezione al secondo anno, che genera un'estrema competizione tra gli studenti e spesso non garantisce la prosecuzione di un percorso formativo coerente a chi non supera la prova. Nella selezione in itinere come quella francese, poi, vi è sempre il rischio di aumentare il potere discrezionale dei docenti, se non lo si bilancia con adeguati elementi di oggettività nella valutazione degli studenti".

"Per riformare davvero il sistema non basta eliminare i test - continua - Sono necessari interventi che partono dall'orientamento scolastico, passano da una politica seria di investimenti nel sistema universitario, dalle specializzazioni, fino all'accesso al mercato del lavoro. Siamo a pochi giorni dalle elezioni europee: se questa uscita sul numero chiuso non è solo uno spot elettorale, il ministro, che è anche candidata, lo dimostri programmando immediatamente il tavolo di confronto con gli studenti".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza