Home . Cultura . 'Storie della Buonanotte per bambine ribelli', il libro più finanziato dal crowdfunding

'Storie della Buonanotte per bambine ribelli', il libro più finanziato dal crowdfunding

CULTURA
'Storie della Buonanotte per bambine ribelli', il libro più finanziato dal crowdfunding

cover del libro di Elena Favilli e Francesca Cavallo

"Alle bambine ribelli di tutto il mondo: sognate più in grande, puntate più in alto, lottate con più energia. E, nel dubbio, ricordate: avete ragione voi". La dedica è il preludio perfetto dell'intento di un libro, 'Storie della Buona Notte per bambine ribelli', che è il più finanziato nella storia del crowdfunding: grazie a Kickstarter ha raccolto oltre 1 milione di dollari da 70 nazioni diverse in soli 28 giorni per un totale di 1 milione e 300mila dollari dal lancio della campagna in aprile 2016 fino a ottobre dello stesso anno.

Uscito nel novembre 2016, 'Storie della Buona Notte per bambine ribelli' di Elena Favilli e Francesca Cavallo che vivono negli Stati Uniti da qualche anno, ha venduto 90mila copie nella sua versione originale americana e già prima della sua pubblicazione era stato venduto in Inghilterra, Germania, Brasile, Turchia, Polonia, Messico, Olanda, Tailandia. Ora è arrivato in Italia con la traduzione di Loredana Baldinucci, edito da Mondadori. Il progetto ha già ricevuto un largo apprezzamento da parte della stampa internazionale e italiana, soprattutto in quanto strumento di sensibilizzazione nei confronti della questione di genere ed esempio di eccellenza italiana all’estero.

Non a caso la presentazione a Roma è avvenuta alla Camera dei deputati. Purtroppo però la padrona di casa, la presidente Laura Boldrini non ha avuto la possibilità di parteciparvi come da programma, ma ha inviato un eloquente messaggio: "‘Storie della buonanotte per bambine ribelli’ - osserva la presidente - mette al bando le fiabe alle quali siamo abituate, che hanno come protagoniste inerti principesse che attendono il principe azzurro, raccontando invece le vite di 100 donne coraggiose e appassionate, che hanno superato ostacoli, affrontato ostilità e realizzato, grazie alla propria intelligenza e al proprio impegno, ciò in cui credevano".

"Sono storie vere di artiste, scienziate, politiche, sportive - continua la Boldrini - Apprezzo molto l’originale scelta di scrivere storie di donne capaci di determinare il cambiamento perché questa visione può dare a bambine e ragazze la possibilità di credere in loro stesse. Ed è proprio da qui che dobbiamo partire, dall’empowerment e dal rafforzamento della presenza femminile in ogni settore dello sviluppo umano, politico, economico, sociale e culturale, se davvero vogliamo costruire un mondo diverso, senza discriminazioni e diseguaglianze di genere".

Per costruirlo Elena Favilli e Francesca Cavallo fanno la loro parte raccontando "100 vite di donne straordinarie" fra cui Rosa Parks, Nina Simone, Nellie Bly, Maya Angelou, Margherita Hack, Ipazia, Rita Levi Montalcini, Yusra Mardini, Coco Chanel, Eufrosina Cruz, Maria Callas, Jane Goodall e Claudia Ruggerini.

"Nelle favole il personaggio femminile brutto generalmente è anche antipatico e spesso negativo - dice Elena Favilli, giornalista, è la fondatrice e amministratrice delegata di Timbuktu Labs, media company che crea prodotti innovativi per bambini di tutte le età - mentre quelli maschili, se lo sono, spesso sono buffi. Eppure le fiabe hanno comunque un messaggio positivo, quello di superare gli ostacoli a tutti i costi. Ci siamo chieste come potevamo mantenere questo messaggio, spogliando le fiabe di questi stereotipi, ed è da qui che è nata l’idea di questo libro: storie di donne normali che facendo cose normali sono diventate straordinarie".

"Esistono tanti modi per essere ribelli: uno è sicuramente quello di trovare il proprio obiettivo e perseguirlo con passione - osserva Francesca Cavallo, autrice e regista di teatro, esperta di innovazione sociale, che ha fondato Timbuktu Labs con Elena Favilli di cui è direttrice creativa - Questo libro non è solo per bambine, ma anche per i bambini, perché sin da piccoli i maschi si possano identificare in un personaggio femminile forte, esattamente come noi sin da piccole ci siamo identificate in Robin Hood".

"Noi ci auguriamo che queste pioniere coraggiose vi siano di ispirazione - scrivono le autrici nella prefazione - Che i loro ritratti imprimano nelle vostre figlie la salda convinzione che la bellezza si manifesta in ogni forma e colore, e a tutte le età. Ci auguriamo che ogni lettrice comprenda che il successo più grande è vivere una vita piena di passione, curiosità e generosità. E che tutte noi, ogni giorno, ricordiamo che abbiamo il diritto di essere felici e di esplorare il mondo in lungo e in largo".

Il libro contiene 100 favole. Ciascun racconto è accompagnato da un ritratto a colori, per un totale di 100 ritratti disegnati da 60 artiste diverse, tra le quali emergono Ana Galvan (Spagna), Helena Morais Soares (Portogallo), Eleanor Davis (Stati Uniti), Thandiwe Tshabalala (Sud Africa), Elisabetta Stoinich (Italia), Debora Kamogawa (Brasile), Cori Johnson (Stati Uniti) e anche italiane come Cristina Portolano e Sara Bondi. Questo perché le due autrici hanno voluto rendere omaggio alle più importanti illustratrici del nostro tempo, consapevoli del grande lavoro che compiono ogni giorno e che merita di essere divulgato e conosciuto.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI