Home . Fatti . Cronaca . Conte: "Tragedia Genova inconcepibile"

Conte: "Tragedia Genova inconcepibile"

CRONACA
Conte: Tragedia Genova inconcepibile

(Afp)

"Una tragedia immane, perché è veramente scioccante vedere lamiere, un ponte crollato con le vittime che sono state estratte. Adesso dovremo accertare le cause, occorrerà del tempo. Una tragedia del genere è inconcepibile in un sistema moderno come il nostro, in un Paese moderno, quindi dobbiamo anche cercare di capire come evitare che tragedie del genere possano verificarsi in futuro". Lo ha affermato ai microfoni del Tg1 il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, dopo aver visitato a Genova il luogo dove si è verificato il crollo del viadotto Morandi.

Il premier ha avuto parole di apprezzamento per "la nostra macchina dei soccorsi", che è "collaudata, encomiabile". "Era importante venire qui - ha detto Conte - a capire di persona che cosa è successo, fermo restando che adesso dovremo accertare le cause e occorrerà del tempo. Il mio pensiero commosso, a nome di tutto il governo, va alle vittime innanzitutto, ai loro familiari".

"Il bilancio delle vittime purtroppo è salito a 25 decessi accertati'' ha poi affermato al termine dell'incontro in Prefettura, spiegando che ''ci sono 15 feriti e 9 ancora in codice rosso".

"Inizieremo da subito ad avviare un piano in via straordinaria per assicurare un costante monitoraggio dello stato delle nostre infrastrutture" ha aggiunto il presidente del Consiglio. "Alcune - ha proseguito il premier - sono molto datate, anche questo ponte era stato concepito negli anni Sessanta e inaugurato nel '67. All'epoca è stata un'opera infrastrutturale anche molto ardita, però è evidente che quando passano alcuni decenni occorre chiaramente che la manutenzione sia ancora più stringente, le verifiche più puntuali, ancora più rigorose". "Dobbiamo evitare che una tragedia del genere si possa verificare. Tutti i cittadini devono viaggiare sicuri e ci impegneremo - ha concluso Conte - perché questo non accada più".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.