Home . Fatti . Esteri . Hong Kong, le autorità aprono al dialogo con gli studenti. Nuovi scontri tra polizia e manifestanti

Hong Kong, le autorità aprono al dialogo con gli studenti. Nuovi scontri tra polizia e manifestanti

Il capo del governo locale, Leung Cheun-Ying dopo la seconda notte consecutiva di disordini: "Discuteremo del suffragio universale prima possibile e auspicabilmente entro la prossima settimana". Altri arresti

ESTERI
Hong Kong, le autorità aprono al dialogo con gli studenti. Nuovi scontri tra polizia e manifestanti

Infophoto

Le autorità di Hong Kong aprono al dialogo con gli studenti dopo la seconda notte consecutiva di disordini e scontri tra manifestanti e polizia su una grande via di comunicazione nei pressi della sede del governo.

"Nel corso degli ultimi giorni, e fino a questa mattina, attraverso terzi abbiamo espresso l'auspicio parlando con gli studenti di poter avviare un dialogo per discutere del suffragio universale prima possibile e auspicabilmente entro la prossima settimana", ha dichiarato il capo del governo locale, Leung Cheun-Ying.

La scorsa notte centinaia di manifestanti si sono riuniti davanti al quartier generale del governo e della polizia per protestare contro l'uso eccessivo della forza da parte degli agenti. Due persone, di 38 e 24 anni, sono state arrestate con l'accusa di aver ostruito l'operato degli agenti.

Ieri ci sono stati 45 arresti, ma ad esasperare gli animi è stata la notizia del pestaggio di un attivista già ammanettato, ripreso in un video diffuso sul web. Il manifestante si chiama Ken Tsang ed è un attivista del partito Civico, una formazione pro democrazia. "La polizia mi ha brutalmente attaccato dopo l'arresto", ha detto dopo essere stato rimesso in libertà su cauzione. "Poi mi hanno aggredito di nuovo nella stazione di polizia", ha aggiunto, promettendo un'azione legale. Le autorità hanno detto di aver avviato un'inchiesta.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI