Home . Fatti . Esteri . Iraq, arriva 'interrogation team' dagli Usa per interrogare detenuta Is

Iraq, arriva 'interrogation team' dagli Usa per interrogare detenuta Is

ESTERI
Iraq, arriva 'interrogation team' dagli Usa per interrogare detenuta Is

(Foto d'archivio)

Tornano gli 'interrogation team' americani in Iraq, questa volta per interrogare la prima detenuta dello Stato Islamico, la moglie di Abu Sayyaf, il leader dell'Is ucciso in un raid della Delta Force la scorsa settimana nell'est della Siria. La donna, che è irachena ed è stata identificata come Umm Sayyaf, è stata trasferita in Iraq per essere interrogata da agenti del "High Value Detainee Interrogation Group", che è formato da specialisti di interrogatorio dell'Fbi, della Cia e del Pentagono.

Secondo fonti del Pentagono, la speranza è che la donna possa fornire informazioni soprattutto "sul come l'Is conduce le operazioni degli ostaggi" occidentali. Mentre vanno avanti gli interrogatori, non è stato ancora deciso se la donna sarà trasferita negli Stati Uniti per essere processata o se sarà consegnata alle autorità irachene.

"Stiamo lavorando per determinare una soluzione per la detenuta che tuteli al meglio la sicurezza nazionale degli Stati Uniti e dei nostri alleati e rispetti le leggi interne ed internazionali", ha detto in proposito il portavoce della Casa Bianca, Alistair Baskey, sottolineando che gli Usa hanno l'autorità di tenere prigionieri i sospetti militanti dell'Is grazie all'ampia concessione dei poteri militari votata dal Congresso dopo l'11 settembre . E' stato assicurato che verrà dato modo agli ispettori della Croce Rossa Internazionale di incontrare la donna, ma non è stato precisato se abbia potuto parlare con un avvocato.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI