Home . Fatti . Esteri . Is diffonde nuovo video: "Abbiamo conquistato base russa a Palmira" /Guarda

Is diffonde nuovo video: "Abbiamo conquistato base russa a Palmira"

ESTERI
Is diffonde nuovo video: Abbiamo conquistato base russa a Palmira /Guarda

(fermo immagine dal video)

La cittadella di Palmira in cima alla collina sullo sfondo, in primo piano un'area delimitata dal filo spinato intorno a quella che i jihadisti dello Stato islamico (Is) sostengono essere una "base militare russa" che loro avrebbero conquistato. E' questo il contenuto di un video diffuso dall'agenzia di stampa dell'Is 'Amaq' datato 13 dicembre 2016 e dal titolo 'Base russa nella città di Tadmor conquistata dai combattenti dello Stato islamico'.

La telecamera si muove nello spiazzo abbandonato dove campeggiano grosse tende, un dormitorio con due file di letti a castello, quello che sembra un ristorante con sedie e tavolini di plastica su cui sono stati lasciati alcuni piatti ancora pieni di cibo, libri e carte di credito, ma soprattutto, e ovunque, grosse casse di legno contenenti armi di ogni genere e apparecchiature militari parcheggiate qui e là.

Al termine del video, alcuni miliziani esultano per il 'bottino' "promesso da Dio", mentre un altro jihadista dal volto coperto mostra quello che sembra un check-point con i colori della bandiera russa e di quella siriana, sormontato dall'immagine di due aquile l'una di fronte all'altra dipinte alla stessa maniera: "Questo è l'ingresso della base russa nella città di Tadmor. Con il permesso di Dio, domani conquisteremo la Russia", afferma.

Lunedì gli attivisti di Tadmor avevano dichiarato ad Aki-Adnkronos International che la città era finita di nuovo nelle mani dei jihadisti dell'Is, dopo che il 27 marzo scorso era stata 'liberata' dalle forze governative e dalle sue milizie da una prima occupazione, iniziata a maggio del 2015.

Come allora, quando gli attivisti denunciarono che la città era stata "consegnata" all'Is, le fonti hanno parlato di una "avanzata forte e improvvisa" di fronte alla quale "la difesa del regime e delle milizie sue alleate è stata insignificante", rivelando che "i capi militari hanno lasciato la città su elicotteri prima dell'arrivo dei jiahdisti", laddove "la ritirata delle milizie è stata disordinata, causando così diversi morti".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.