Home . Fatti . Politica . Gentiloni: "No alla politica dei muri e della paura"

Gentiloni: "No alla politica dei muri e della paura"

POLITICA
Gentiloni: No alla politica dei muri e della paura

(Fotogramma)

"'Riguadagnare' la propria eredità non vuol dire scegliere la politica della nostalgia, o quella dei muri e della paura. Alle sfide e alle incertezze di questo momento storico bisogna rispondere garantendo sicurezza e protezione e ricordando che il vero progresso è quello che mette al centro la qualità della vita delle persone". Lo scrive il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, in un intervento su 'Il sussidiario.net', scritto prima degli attentati in Spagna e pubblicato alla vigilia della sua partecipazione al meeting di Rimini, che quest'anno avrà come tema: 'Quello che tu erediti dai tuoi padri, riguadagnatelo, per possederlo'.

Il premier parla anche di ius soli. "Noi abbiamo un lascito inestimabile di valori, di idee, di leggi - sottolinea - Sono le basi del nostro vivere in comune e il frutto di tante conquiste alle quali non intendiamo rinunciare. Per custodire al meglio questo patrimonio dobbiamo scegliere il dialogo e l'inclusione. Dobbiamo ricordare, ad esempio, che diventando cittadini italiani si acquisiscono diritti ma anche doveri. E che garantire questa possibilità ai figli degli immigrati nati in Italia è una conquista di civiltà e un modo per valorizzare e arricchire la nostra identità".

"Il concetto di cittadinanza in un mondo che cambia - aggiunge il premier - non va confuso con la mancanza di certezze. Andare verso una società più aperta e multietnica non deve comportare una rinuncia alla nostra sicurezza e ai nostri stili di vita. Su questo punto le istituzioni democratiche si giocano una parte fondamentale della loro credibilità".

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI