Home . Intrattenimento . Spettacolo . Sting riapre il Bataclan: "Non dimenticheremo" Un anno fa l'attacco al cuore di Parigi

Sting riapre il Bataclan: "Non dimenticheremo"

SPETTACOLO
Sting riapre il Bataclan: Non dimenticheremo Un anno fa l'attacco al cuore di Parigi

Prima di iniziare il concerto sul palco del Bataclan , Sting ha chiesto un minuto di silenzio per le 90 vittime massacrate, il 13 novembre di un anno fa, nella sala concerti parigina che ha scelto di riaprire proprio alla vigilia dell'anniversario degli attentati di Parigi, in cui morirono in tutto 130 persone. "Non li dimenticheremo", ha poi detto la rockstar britannica che ha aggiunto: "Noi abbiamo due compiti, onorare quelli che hanno perduto la vita un anno fa e celebrare la vita e la musica".

Fu "un incubo", è stata veramente "una catastrofe" aveva detto all'emittente tedesca N-Tv, ricordando la sensazione provata al momento degli attentati. "Ho trascorso molto tempo a Parigi. La cultura francese è sempre stata importante per me. Quando uno pensa all'amore, al romanticismo, la sensualità, non si può non pensare a Parigi... E' stato terribile", ha detto Sting che già si esibì al Bataclan nel 1979, quando era il cantante dei Police. E a legarlo alla Francia è anche il fatto che vi nacque uno dei suoi figli, durante una tournée nel 1985.


Una foto pubblicata da Sting (@theofficialsting) in data:

I biglietti del concerto sono andati esauriti in mezz'ora e l'intero incasso sarà devoluto a due associazioni di vittime del 13 novembre. La direzione del teatro, completamente rimesso a nuovo, ha voluto ripartire con la musica alla vigilia dell'anniversario degli attentati. Domani, 13 novembre, verrà apposta una targa in memoria delle vittime e la sala concerti rimarrà chiusa.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI