Home . Lavoro . Made-in-italy . In Piemonte torna Ultratrail per promuovere l''eroico' formaggio Bettelmatt

In Piemonte torna Ultratrail per promuovere l''eroico' formaggio Bettelmatt

MADE-IN-ITALY
In Piemonte torna Ultratrail per promuovere l''eroico' formaggio Bettelmatt

Una competizione sportiva come occasione per promuovere una specialità agroalimentare 'di nicchia' del territorio. Anche questo è la But- Bettelmatt Ultra Trail, una spettacolare corsa ad alta quota sulle Alpi Lepontine, tra Val Formazza e Valle Antigorio, nell’estremo lembo nord del Piemonte, in programma domani e domenica 16 luglio.

Una gara da mozzare decisamente il fiato, non solo per resistenza e altitudine (si toccano i 3 mila metri), ma anche per i maestosi paesaggi del percorso: boschi di pino e larice, laghi d’alta quota, piccoli borghi arrampicati sui declivi alpini, le caratteristiche costruzioni Walser e rifugi di montagna, maestosi ghiacciai, come quello del Siedel, e poi cinque bacini idroelettrici e la suggestiva cascata del Toce, con il suo salto di 143 metri, la più alta d’Europa.

Durante il suo percorso, il trail andrà a toccare i sette alpeggi in cui si produce il formaggio Bettelmatt, tutti situati sopra i 1800 metri, da cui la gara prende il nome. Si tratta di uno dei più rari formaggi italiani, prodotto esclusivamente nei mesi estivi e che, proprio per le condizioni ambientali difficili in cui nasce, viene definito 'eroico' e continua ad esistere grazie alla tenacia dei sette produttori che si avventurano in quota.

Nonostante numeri piuttosto limitati (nel 2015 le forme commercializzate sono state circa 4.600, mentre nel 2016 di poco superiori alle 5.000), il Bettelmatt vanta estimatori negli Stati Uniti, in Inghilterra e in Giappone (dove viene stagionato e poi consumato all’interno di una minestra tipica) e ha una storia centenaria: il termine Bettelmatt risale infatti al XIII secolo, quando la popolazione Walser scese dal Nord a colonizzare la fascia subalpina e veniva usato per pagare i canoni d’affitto e le tasse e per fare beneficenza. 'Bettel', infatti, nella lingua walser significa questua, e 'matt' significa pascolo; l’unione dei due termini, quindi, indica 'pascolo della questua'.

Attraverso l’ultra trail, il Bettelmatt avrà quindi un’occasione importante di visibilità e si racconterà attraverso i propri incontaminati alpeggi. L’evento è organizzato da Formazza Event e, accanto agli 83 km dell’Ultra Trail, i più duri con una partenza notturna, sono previsti altri quattro itinerari: la Trail da 50 km, la Sky Race da 35 km, la Race da 22 km e la mini But da 8 km. A quest’ultima, in programma domenica 16 luglio, è possibile iscriversi sul posto.

Più di mille i partecipanti nella passata edizione, vinta per la 83 km da Giulio Ornati. Quest’anno, accanto a trail runners di altissimo valore come Stefano Trisconi, tra gli atleti ci sarà anche l’ex campione svizzero di sci alpino Pirmin Zurbriggen, vincitore di quattro Coppe del mondo, sette Coppe di specialità e un oro olimpico a Calgary nel 1988, che prenderà parte alla Bettelmatt Race da 22 km.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI