Home . Lavoro . Start-up . Start up made in Italy con Android Factory 4.0

Start up made in Italy con Android Factory 4.0

START-UP
Start up made in Italy con Android Factory 4.0

Android Factory 4.0, programma realizzato da LVenture Group che gestisce l’acceleratore di startup Luiss Enlabs, è stato presentato oggi in occasione del primo Android Innovation Day organizzato da Google in Italia. L’obiettivo è di stimolare la creazione di nuove startup che, attraverso le potenzialità del sistema operativo open source Android, contribuiscano alla diffusione di un made in Italy innovativo e diventino player competitivi nell’industria 4.0 a livello globale.

Android, il cui codice sorgente è gratuito, è diventato una piattaforma adottabile da qualsiasi produttore in diversi settori di mercato: è infatti in grado di rendere 'intelligenti', oltre agli smartphone, tutti gli oggetti che ci circondano e permettergli di comunicare fra loro.

“Le premesse per il successo di questo programma -spiega Augusto Coppola, direttore del programma di accelerazione di Luiss Enlabs- sono davvero ottime, innanzitutto perché possiamo contare sulla collaborazione con Google, che ci ha scelti come partner alla luce del nostro expertise nell’ambito della creazione di startup”. “Crediamo fermamente -sottolinea- che le iniziative come questa possano rafforzare il tessuto produttivo italiano e che, facilitando l’applicazione di tecnologie innovative all’imprenditoria, si generi valore per tutte le parti coinvolte”.

“Entro la fine del decennio, le persone collegate al web da schemi e dispositivi diversi saranno oltre 5 miliardi -avverte Diego Ciulli, Public policy manager di Google in Italia- una crescita che genera opportunità importanti per imprese piccole e grandi. Nel contempo, le ricerche su Google Trends continuano a mostrare un forte interesse per il 'saper fare italiano'. "Le ricerche legate al made in Italy -continua Ciulli- su Google sono cresciute nell’ultimo anno di un ulteriore 8% e questo trend è destinato ad aumentare. Crediamo che l’unione tra made in Italy e piattaforme open source, come Android, rappresenti un modello per l’Italia per competere nell’industry 4.0, per far crescere nuove imprese e innovare quelle tradizionali. Per questo, insieme a Luiss Enlabs mettiamo a fattore comune le nostre reciproche aree di expertise con questo nuovo percorso di pre-accelerazione”.

Possono partecipare alla call startup nelle prime fasi di vita, team incompleti e talenti individuali, presentando la propria candidatura sul sito di Luiss Enlabs entro il 9 gennaio 2017. I team selezionati per il programma di pre-accelerazione, della durata di due mesi, riceveranno 2.500 euro e saranno supportati dagli esperti di Luiss Enlabs e Google, che forniranno tutti gli strumenti necessari per trasformare le idee in prototipi funzionanti e affiancheranno lo sviluppo del prodotto.

Il programma si svolgerà nella cornice dell’acceleratore di startup Luiss Enlabs, nato da una joint venture tra LVenture Group e l’università Luiss e situato in uno spazio di 5000 mq nell’ala storica della stazione Termini di Roma.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.