Home . Salute . Roma, allarme smog davanti alle scuole

Roma, allarme smog davanti alle scuole

SALUTE
Roma, allarme smog davanti alle scuole

(Fotogramma)

Un bel respiro prima di entrare in classe. Per i bambini di Roma potrebbe non essere affatto salutare. Mentre al Nord prosegue l'allerta smog, tramite uno studio Greenpeace ha rilevato che l'aria delle scuole capitoline contiene concentrazioni di biossido di azoto (NO2) ampiamente al di sopra del valore individuato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità per la protezione della salute umana.

Nel corso delle ultime settimane, l'associazione ha svolto monitoraggi tra le 7 e 30 e le 8 e 30 del mattino, nelle vicinanze di dieci scuole dell’infanzia e primarie di Roma e quello che è emerso è tutt'altro che rassicurante. Si sono registrati, infatti, dei picchi elevatissimi di concentrazione di biossido d'azoto che risultano ancor più allarmanti se si considera che già nel 2005 l’OMS segnalava come nei bambini gli effetti patogeni del NO2 sul sistema respiratorio siano provati anche per concentrazioni inferiori a quelle rilevate da Greenpeace. A Roma tre quarti del biossido di azoto presenti in atmosfera sono originati dal traffico, e in particolare dai veicoli con motori diesel.

Gli impatti di questo inquinante sulla salute umana sono gravi. Il biossido di azoto è classificato tra le sostanze certamente cancerogene, i suoi effetti patogeni sono principalmente a carico delle vie respiratorie, del sistema sanguigno, delle funzioni cardiache. E’ particolarmente nocivo sui bambini, cui può causare infezioni alle vie respiratorie, asma, polmoniti, ritardo nello sviluppo del sistema nervoso e dei processi cognitivi. L’esposizione al NO2 è causa inoltre di nascite precoci e sottopeso; per le donne in gravidanza c'è un maggiore rischio di complicanze.

Insomma tutti i giorni, prima di entrare a scuola, i nostri bambini fanno un pieno di sostanze tossiche che possono danneggiare gravemente la loro salute e la loro crescita. Per questo motivo Greenpeace ha deciso di chiedere ai sindaci delle città italiane più colpite dal biossido di azoto (Roma, Torino,Milano e Palermo) di prendere presto provvedimenti radicali per abbattere questo inquinante. Una modo semplice per abbattere le concentrazioni di biossido di azoto sarebbe quello di limitare progressivamente la circolazione dei motori diesel.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI