Home . Soldi . Finanza . Borse Milano e Madrid in forte calo, giù le banche

Borse Milano e Madrid in forte calo, giù le banche

Stretta Bce e caso Catalogna affossano settore finanziario

FINANZA
Borse Milano e Madrid in forte calo, giù le banche

Un'ondata di vendite sulla Borsa di Madrid e sul suo comparto bancario trascina in territorio negativo anche le altre piazze europee alla fine di una seduta già contrastata per i principali indici.

La Borsa di Milano è tra le peggiori e perde l'1,4% a 9.964 punti. Madrid cede a fine giornata il 2,85%e scende sotto i 10mila punti. Deboli Parigi (-0,08%), Amsterdam (-0,11%) e Londra (-0,01%). L'unica piazza positiva è Francoforte, che archivia gli scambi in rialzo dello 0,5% a 12.970 punti, aggiornando i massimi.

Il mood negativo degli investitori coinvolge nuovamente la Spagna, alle prese con le tensioni politiche legate all'agognata autonomia della Catalogna. Oggi il ministero della Difesa spagnolo ha ordinato l'invio di unità dell'esercito in Catalogna, che sarebbe pronta a proclamare presto l'indipendenza dalla Spagna, secondo quanto affermato da Carles Puigdemont, il leader della regione.

A peggiorare il quadro, soprattutto per Milano, sono stati gli aggiornamenti della Bce alle linee guida per gestire i crediti deteriorati nel portafoglio delle banche. Da gennaio 2018, gli istituti dovranno garantire una copertura totale dei npl: hanno tempo due anni per gli unsecured e sette anni per le sofferenze con garanzia, ha spiegato un comunicato dell'autorità di supervisione bancaria.

La stretta ha scatenato le vendite sui titoli finanziari, soprattutto tra quelli delle Borse di Milano, Madrid e Parigi. Gli indici di Wall Street sono in leggero rialzo con il Dow (+0,18%) e con il Nasdaq (+0,10%).

A Piazza Affari, è in forte calo Banco Bpm (-5,3%), insieme a Ubi banca (-3,8%), Banca Generali (-2,9%), Bper (-2,9%), Unipol (-2,7%), Intesa Sp (-1,6%) e Unicredit (-2,6%). In rosso Carige (-2,3%).

Sul Ftse Mib positive solo Luxottica, Recordati, Campari e Tenaris. Alla fine della sua prima giornata di scambi in Borsa, Pirelli chiude in calo dello 0,46% a 6,47 euro. Il suo valore alla fine degli scambi è sotto di tre centesimi rispetto al prezzo fissato per il ritorno a Piazza Affari, ossia 6,5 euro. Oscillando tra un minimo di seduta di 6,28 e un massimo di 6,5 euro, il titolo ha recuperato verso la fine della giornata, chiudendo comunque in territorio negativo.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI