Home . Soldi . . Cgil Gioia Tauro, aprire una sede Frontex nello Stretto di Messina

Cgil Gioia Tauro, aprire una sede Frontex nello Stretto di Messina

Cgil Gioia Tauro, aprire una sede Frontex nello Stretto di Messina

La sede dell'agenzia europea Frontex

Istituire una sede di Frontex sullo stretto di Messina e verificare che tutto sia pronto in Calabria per eventuali emergenze sanitarie. Sono le richieste che avanza la Cgil di Gioia Tauro anche in vista dell'inizio della stagione della raccolta delle arance che inizierà presumibilmente il 15 settembre per andare avanti fino a fine novembre.

La raccolta delle arance nella piana di Gioia Tauro "impegnerà oltre 3.000 immigrati e almeno 2.500 vivranno stipati nei campi di S.Ferdinando e di Rosarno, in pessime condizioni igieniche e sanitarie, al limite della schiavitù", dice a Labitalia Nino Costantino, segretario della Cgil Gioia Tauro e anche nella segreteria regionale della Cgil Calabria.

"Già ci sono stati episodi di lavoratori extracomunitari morti a causa delle condizioni in cui vivevano in quei campi e l'anno scorso c'è stata un'epidemia di scabbia", ricorda Costantino.

La maggior parte dei lavoratori che vengono stagionalmente a raccogliere le arance in Calabria proviene da paesi africani come il Senegal o il Burkina Faso", aggiunge. "La gran parte si trova già in Italia, impegnata in altre zone con altri lavori stagionali -dice Costantino- ma c'è una quota che arriva con gli sbarchi".

E per fronteggiare queste ondate di arrivi, dice Costantino "abbiamo lanciato la proposta che una sede di Frontex sia collocata sullo Stretto di Messina".

Non solo. La preoccupazione del sindacato calabrese è anche sul versante Ebola. "Per noi gli immigrati non sono un problema sanitario -ci tiene a sottolineare Costantino- ma è innegabile che con questi numeri dobbiamo sapere se la Regione è pronta a eventuali emergenze. Per questo -conclude- abbiamo chiesto alla Giunta Regionale e al commissario alla Sanità e all'Ordine dei Medici se siano state predisposte tutte le misure per la prevenzione e la gestione di emergenze".

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI