cerca CERCA
Lunedì 15 Luglio 2024
Aggiornato: 23:09
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Covid e variante Pirola, mini ondata in arrivo? Cosa dicono gli infettivologi

Marco Falcone, segretario della Società italiana malattie infettive e tropicali (Simit), fa il punto con l'Adnkronos Salute

Test covid positivo - 123RF
Test covid positivo - 123RF
26 settembre 2023 | 10.13
LETTURA: 2 minuti

Covid in Italia e variante Pirola, nuova mini ondata di casi in arrivo? "Il fatto che la variante BA.2.86 o 'Pirola' sia stata sequenziata nei giorni dell'arrivo in Italia del vaccino anti-Covid aggiornato sembra uno scherzo del destino. E' una variante che ha una 'spike' diversa da tutte le altre varianti Omicron con oltre 35 mutazioni e con queste caratteristiche potrebbe essere una tipologia di virus che infetta anche i guariti e i vaccinati. L'interesse della comunità scientifica però deve essere sul fatto che possa essere o meno più contagiosa e trasmissibile, abbiamo visto che EG.5 o 'Eris' ha fatto mini ondata di casi ma non è detto che anche Pirola possa causare grandi numeri". Così all'Adnkronos Salute l'infettivologo Marco Falcone, segretario della Società italiana malattie infettive e tropicali (Simit).

Variante Pirola, cosa fare?

Cosa dobbiamo fare? "Sicuramente la sorveglianza molecolare - risponde Falcone -che va condotta per capire se quest'ultima variante rimane confinata al 5-10% di prevalenza nella popolazione infettata o diventa predominare. Ma - avverte - al momento non ci sono motivi per pensare che abbia un impatto clinico diverso dalle altre, ovvero che possa dare una malattia Covid più grave".

Secondo l'infettivologo, "in ogni caso o Pirola, Eris o la prossima variante dal nome affasciante, i soggetti fragili, gli anziani, i malati oncologi e ematologici, devono fare il vaccino aggiornato a XBB che rappresenta, indipendentemente dalla variante che gira, una stimolazione e un potenziamento degli anticorpi necessario per affrontare l'autunno. Questi soggetti magari si infetteranno ma - conclude - non svilupperanno una malatia grave, il valore dei vaccini rimane intatto rispetto alle nuove varianti perché abbiamo già avuto l'esperienza di quanto accaduto negli anni passati".

Leggi anche
Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza