cerca CERCA
Venerdì 19 Luglio 2024
Aggiornato: 14:20
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Usa, la sostenibilità è un rischio per l’economia: i repubblicani annunciano le “Norme anti-Esg”

Il partito chiede di mettere fino agli obblighi informativi e alla transizione ecologica

Usa, la sostenibilità è un rischio per l’economia: i repubblicani annunciano le “Norme anti-Esg”
09 agosto 2023 | 17.08
LETTURA: 3 minuti

“Esg è un inquinante malefico che deve essere eradicato dalle società e dalle imprese”, parola di Ralph Norman membro della Camera dei Rappresentanti per lo stato della Carolina del Sud, negli Usa.

La sua è solo una delle tante frasi pronunciate dai repubblicani che hanno annunciato una serie di progetti di legge “anti-Esg”. Mentre le istituzioni, in particolar modo l’Unione europea, approvano provvedimenti per evitare il disastro climatico, alcuni membri del partito che siedono nella commissione per i servizi finanziari della Camera al Congresso degli Stati Uniti (House Financial Services Committee) si adoperano per limitare l’influenza delle iniziative Esg nei mercati dei capitali e finanziari.

Gran parte della politica anti-Esg è nelle parole di Barry Loudermilk, membro della Camera dei Rappresentanti per lo stato della Georgia: "I regolatori bancari americani stanno attuando normative sul cambiamento climatico sotto forma di politiche ambientali, sociali e di governance (Esg), ma il popolo americano e il Congresso sono lasciati all'oscuro su come queste politiche vengano formulate. I regolatori federali non sanno nemmeno chi finanzia i modelli che utilizzano per creare queste regolamentazioni”. In questa occasione Loudermilk ha annunciato il Disegno di Legge per la Sovranità e la Trasparenza Regolatoria delle Istituzioni Finanziarie Americane (American First), “che – sostiene il repubblicano – obbligherà i regolatori bancari a riportare i dettagli dei loro incontri con organizzazioni internazionali e a fornire al Congresso un'analisi costi-benefici di qualsiasi regolamentazione che allinei la politica regolamentare degli Stati Uniti con quella straniera”.

L’American First include norme che impedirebbero alle autorità di regolamentazione statunitensi di incontrare varie organizzazioni tra cui il Financial Stability Board e il Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria sul tema del rischio climatico a meno che non siano soddisfatti una serie di requisiti.

I progetti di legge anti Esg dei repubblicani seguono essenzialmente questi canali:

- arrestare gli sforzi delle imprese verso l’implementazione di strategie sostenibili;

- bloccare l’adozione di requisiti che obblighino le aziende a divulgare informazioni circa l’impatto ambientale;

- ridurre la capacità delle autorità di regolamentazione di valutare i rischi finanziari legati al cambiamento climatico;

- ridurre la capacità degli investitori di interagire e chiede informazioni alle imprese sui temi della sostenibilità.

Quest’ultimo punto va in netto contrasto con la sempre maggiore richiesta di trasparenza e informazioni da parte degli investitori, tale da influenzare persino la governance delle grandi aziende.

L’uso del voto per delega degli investitori viene invece visto dai repubblicani come uno strumento “per imporre preferenze ideologiche in modi che eludono il processo legislativo democratico”.

I precedenti nella politica Usa

Già a febbraio scorso i repubblicani del Congresso degli Stati Uniti hanno lanciato il “Republican Working Group”, con l’obiettivo di coordinare l’approccio del partito alle proposte anti-Esg. In particolare, nel mirino del partito di destra ci sono le prossime azioni della Sec, la Securities and Exchange Commission, l'ente federale statunitense preposto alla vigilanza delle borse valori.

Proprio contro le regole proposte dalla Sec sull’obbligo informativo, i repubblicani hanno presentato nuovi progetti di legge, che includono il Guiding Uniform and Responsible Disclosure Requirements and Information Limits Act, detto Guardrail Act.

I disegni di legge proposti obbligherebbero l’ente federale statunitense a poter richiedere solo la divulgazione che le società hanno ritenuto rilevanti per una decisione di voto o di investimento.

Si richiede inoltre alla Sec di valutare “l’impatto dannoso” e la base giuridica delle recenti norme europee che richiedono alle grandi aziende statunitensi di fornire informazioni relative alla sostenibilità, tra cui la Corporate Sustainability Reporting Directive (Csrd) e la Corporate Sustainability Due Diligence (Csdd).

Le proposte avanzate dai repubblicani non sono in controtendenza solo nel contenuto, ma anche nella logica. Diverse istituzioni e istituti occidentali, infatti, hanno più volte sottolineato come la trasformazione dell’impianto economico in ottica Esg rappresenti anche un’opportunità economica. Da una parte perché è un settore nuovo che crea lavoro, servizi e quindi valore economico, dall’altro perché consentirebbe alle aziende di non dover fare i conti con i danni da cambiamento climatico. I repubblicani, d’altra parte, vedono nella transizione ecologica e nelle riforme Esg solo una scure che distruggerà l’economia americana.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza