cerca CERCA
Domenica 13 Giugno 2021
Aggiornato: 13:02
Temi caldi

Oristano

Abusava del fratello disabile

20 dicembre 2018 | 18.14
LETTURA: 3 minuti

alternate text
Foto di repertorio

Violenza sessuale, maltrattamenti in famiglia, circonvenzione di incapace e resistenza e violenza a Pubblico ufficiale. Con queste accuse i Carabinieri della Compagnia di Mogoro (Or) hanno arrestato in flagranza di reato, nella serata del 6 dicembre scorso, in un piccolo paese della Marmilla,  P.D., 67enne, sposato, pensionato, ritenuto responsabile del reato dei gravi maltrattamenti in danno del fratello P.A., 61enne,  celibe e invalido civile perché affetto da disturbi mentali. I particolari della vicenda sono stati resi noti soltanto questo pomeriggio, per ragioni di indagine e riservatezza nei confronti della vittima, dal Procuratore capo di Oristano Ezio Domenico Basso, dal Comandante provinciale dei Carabinieri Domenico Cristaldi, dal Tenente Colonnello David Egidi e dal Capitano Nadia Gioviale.  

Alle 23 del 6 dicembre scorso i militari coordinati dal Capitano Gioviale, sono intervenuti in casa del 67enne dove poco prima quest’ultimo per futili motivi aveva ripetutamente colpito il fratello al volto ed alla testa con uno sgabello di legno. Nello specifico l’esito dell’indagine, coordinata in prima persona dal procuratore Basso, ha permesso di accertare che P.D. da svariati mesi sottoponeva il fratello a reiterati e sistematici maltrattamenti fisici e psicologici.  Inoltre l’arrestato, innervositosi per l’intervento dei militari, ha tentato di colpire con un pugno al viso un carabiniere senza però riuscirvi.

"Non sappiamo quali siano stati i motivi che hanno indotto l’arrestato a perpetrare una condotta simile nei confronti del fratello", ha spiegato il procuratore Basso all’Adnkronos. "La vittima è stata soggiogata dal carnefice che lo ha addirittura difeso durante le fasi dell’arresto in flagranza, come preso da Sindrome di Stoccolma. Si tratta di una vicenda che coinvolge un piccolissimo paese, di cui preferiamo non divulgare il nome per motivi di protezione della vittima. Per quanto riguarda lo sviluppo delle indagini – conclude il procuratore -, stiamo valutando altri aspetti". Dopo l’arresto del fratello il disabile è stato sottoposto ad accertamenti medico legali, anche per accertare segni di ulteriore violenza sessuale e psicologica. La vittima è assistita da un amministratore di sostegno e da uno psicologo. L’uomo, su disposizione del pm di turno, è stato portato nel carcere di Oristano-Massama  a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Nei giorni immediatamente dopo l’arresto è stata presentata dal legale istanza di scarcerazione dal Tribunale del riesame, che finora non è stata accolta.  

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza