cerca CERCA
Martedì 22 Giugno 2021
Aggiornato: 20:01
Temi caldi

Contratto: accordo su rinnovo elettrici, +105 euro in busta paga

25 gennaio 2017 | 13.27
LETTURA: 4 minuti

alternate text

Dopo oltre un anno di trattative sindacati e imprese hanno raggiunto l'accordo per il rinnovo del contratto del settore elettrico scaduto lo scorso 31 dicembre. L'aumento in busta paga complessivamente prevede 105 euro in più a regime di cui 70 sui minimi contrattuali, 20 euro sul premio di produttività, 15 euro sul welfare contrattuale (5 euro sulla assistenza integrativa sanitaria dal 1 gennaio 2017; 5 euro sulla previdenza integrativa dal 1 gennaio 2017; 5 euro sulla premorienza dal 1 gennaio 2018). A siglare l'ipotesi di intesa che sarà ora sottoposta alla consultazione degli oltre 53mila lavoratori interessati, Assoelettrica-Confindustria, Utilitalia-Confservizi, Energia Concorrente, Enel, Gse, Sogin, Terna e i sindacati di settore Filctem-Cgil, Flaei-Cisl, Uiltec-Uil, è stata siglata l'ipotesi d'accordo per il rinnovo del contratto del settore elettrico (oltre 53.000 i lavoratori interessati), scaduto il 31 dicembre 2015.

L'aumento medio sui minimi sarà distribuito in 2 tranche: dal 1° febbraio 2017, 35 euro; dal 1° aprile 2018, 35 euro. Per quanto attiene invece ai 20 euro di premio di produttività al mese a regime il meccanismo concordato prevede che siano inglobati nei minimi contrattuali solo nel caso il tasso di inflazione al termine del triennio sia uguale o superiore al 2,7%, stima prevista alla firma del rinnovo. Nel caso fosse inferiore invece si procederà all'inglobamento nei minimi dell'inflazione e alla stabilizzazione della differenza sul premio di produttività. Previsto anche il capitolo 'welfare aziendale' orientato alle attuali esigenze dei lavoratori e delle loro famiglie mentre una altra novità di rilievo è rappresentata dalla clausola di salvaguardia occupazionale: accanto alla immediata operatività di strumenti finalizzati alla ricollocazione all'interno del settore stesso, è prevista infatti la costituzione di un fondo di solidarietà di settore.

“Anche con questa intesa – dicono soddisfatti Emilio Miceli, Carlo De Masi, Paolo Pirani, rispettivamente segretari generali di Filctem, Flaei, Uiltec – abbiamo voluto ribadire centralità del contratto nazionale e del lavoro, il potere d'acquisto del salario attraverso un congruo incremento dei minimi, il miglioramento del welfare contrattuale e delle prestazioni lavorative”.

“Penso che abbiamo fatto un buon lavoro. Il contratto degli elettrici risponde alla necessità di certezze nella erogazione del salario e prosegue con una importante funzione nel contratto nazionale nella distribuzione della produttività”: è Emilio Miceli, segretario generale della Filctem-Cgil, a commentare la firma sull'ipotesi di accordo raggiunta stamane all'alba sul contratto del settore elettrico.

“Si crea così un nesso tra contrattazione nazionale ed aziendale ed è un modello completo ed interessante perchè fa sintesi tra un indicatore macroeconomico, l'inflazione, ed uno aziendale, la produttività.”, aggiunge.“Da questo modello si può partire perchè è un modello equilibrato in grado di coniugare l'indispensabile difesa del potere di acquisto con la distribuzione della produttività. Ci sembra un buon passo avanti”, conclude.

“Con la firma dell’ipotesi di rinnovo del contratto del settore elettrico colmiamo finalmente un vuoto durato più di un anno, garantendo agli oltre 50.000 lavoratori interessati un buon aumento retributivo e novità sul fronte normativo”. Così il segretario generale dell’Ugl Chimici, Luigi Ulgiati, e il segretario nazionale dell’Ugl Chimici-Energia, Michele Polizzi, commentano la firma del'accordo.

“Fra gli aspetti più rilevanti del versante normativo – aggiungono i sindacalisti – abbiamo introdotto un’importante garanzia decidendo di istituire un fondo bilaterale di solidarietà per il sostegno occupazionale nell’ambito delle aziende del settore”.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza