cerca CERCA
Martedì 22 Giugno 2021
Aggiornato: 16:10
Temi caldi

Tennis: Australian Open, Bolelli sogna per un set ma poi cede a Federer

21 gennaio 2015 | 09.30
LETTURA: 4 minuti

Il bolognese vince il primo parziale per 6-3 in poco più di mezz'ora contro il numero 2 del mondo, che poi si aggiudica in 4 partite la sfida per il secondo turno. Soffre 5 set invece Nadal per avere la meglio sullo statunitense Smyczek

alternate text
Roger Federer (Xinhua)XINHUA

Simone Bolelli sogna per un set la grande impresa sul campo centrale degli Australian Open contro Roger Federer. Il 29enne bolognese, numero 48 del mondo, vince il primo set per 6-3 in poco più di mezz'ora contro il numero 2 del ranking Atp e del seeding e resiste fino al 3-3 del secondo parziale. A quel punto il 33enne di Basilea fa ricorso a tutta la sua classe accelerando nel finale del secondo parziale, strappando il sevizio all'azzurro nell'ottavo gioco grazie a un recupero di rovescio su una bordata del bolognese che tocca la riga di fondo.

Break in favore di King Roger, che da quel momento prende il comando delle operazioni, chiudendo per 6-3, 6-2, 6-2 e qualificandosi al terzo turno, dove affronterà un altro azzurro. Andreas Seppi, infatti, conquista il pass superando il francese Jeremy Chardy per 7-5, 3-6, 6-2, 6-1. A Bolellli resta la soddisfazione di aver strappato un set al vincitore di 17 prove del Grande Slam. "Simone ha giocato due ottimi set, non mi aspettavo che potesse essere così regolare ad alto livello", dice Federer. "Il suo rovescio funzionava, le risposte erano ottime così come il suo servizio. Mi sono trovato sotto pressione nel secondo parziale, ma per fortuna me la solo cavata", aggiunge. Tra i favoriti nel tabellone maschile prova di grande solidità di Andy Murray. Lo scozzese, numero 6 del mondo e del tabellone, domina l'australiano Marinko Matosevic, numero 81 del ranking Atp, per 6-1, 6-3, 6-2 in 1h42'. Soffre invece per oltre quattro ore Rafa Nadal. Lo spagnolo, numero 3 del mondo e del seeding, ha sconfitto lo statunitense Tim Smyczek, numero 112 del ranking Atp, con il punteggio di 6-2, 3-6, 6-7 (2-7), 6-3, 7-5.

Sempre sulla Rod Laver Arena si arrende al secondo turno Roberta Vinci. La 31enne tarantina, numero 45 Wta e alla decima partecipazione allo Slam che apre l’anno (mai oltre il terzo turno raggiunto nel 2006, 2010 e 2013), cede 6-2, 6-4 alla mancina russa Ekaterina Makarova. Vince, invece, Sara Errani. La 27enne romagnola, numero 14 del mondo e del tabellone, sconfigge la spagnola Silvia Soler Espinosa, numero 69 Wta, contro la quale aveva già vinto tutti e tre i precedenti confronti diretti (sempre disputati sulla terra). Un match molto duro ed equilibrato durato un’ora e 49 minuti: 7-6 (7-3), 6-3 per l’azzurra che attende venerdì la 25enne belga Yanina Wickmayer, numero 80 Wta.

Avanza al terzo turno ma rischia davvero grosso Maria Sharapova, costretta a salvare due match point. La russa, numero 2 del seeding e del ranking, evita il clamoroso k.o. nel derby con la connazionale Alexandra Panova, 150a giocatrice del mondo e si impone per 6-1, 4-6, 7-5 dopo 2h32' di battaglia.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza