cerca CERCA
Mercoledì 28 Luglio 2021
Aggiornato: 03:10
Temi caldi

Innovazione: Barilla main sponsor di Startupbootcamp FoodTech

14 settembre 2016 | 13.29
LETTURA: 3 minuti

alternate text

Nuovo partner per Startupbootcamp FoodTech, il primo acceleratore globale e indipendente nel settore foodtech. A Gambero Rosso, LVenture Group, Monini, Cisco e M3 Investimenti, che già sostengono Startupbootcamp FoodTech, si aggiunge anche Barilla, che, in qualità di main partner e grazie alla sua esperienza nel settore, aiuterà l’acceleratore a potenziare la propria capacità di azione a livello globale. L’annuncio nell’ultima tappa a Milano del FastTrack World Tour che l’acceleratore di startup, basato a Roma, ha condotto in giro nel mondo attraverso dieci tappe, da Londra a Bangalore, da Berlino alla Silicon Valley, e durante la quale sono state incontrate oltre 100 startup leader nel foodtech globale.

“Questa partnership - ha detto Giancarlo Addario, Collaborative Research and Ipr Manager di Barilla - consolida il ruolo di Barilla come leader globale nell’innovazione lungo l’intera catena di valore del food. Grazie alla provata capacità di Startupbootcamp di individuare e selezionare startup globali early-stage, Barilla, che da tempo adotta approcci e metodi di open innovation a integrazione delle attività interne di ricerca e sviluppo, completa il kit di strumenti per dotarsi delle più avanzate innovazioni nel mondo del food”.

Barilla supporterà il programma Startupbootcamp FoodTech sia nella fase di selezione, che si completerà con i Selection Days a Roma dal 20 al 22 ottobre, sia durante l’accelerazione vera e propria che vedrà coinvolte a partire dal 21 novembre le top 10 startup foodtech selezionate dal programma.

“Con l’arrivo di Barilla, si conferma la nostra scelta di lanciare in Italia - ha commentato Peter Kruger, Ceo di Startupbootcamp FoodTech - il primo acceleratore globale e indipendente al mondo specializzato nel foodtech. Barilla è il brand italiano che meglio riassume quel mix di qualità di prodotto e di eccellenza industriale che fanno dell’Italia una destinazione leader per tutte le startup globali che operano nel foodtech”.

Startupbootcamp FoodTech ogni anno investirà in circa 10 startup del settore foodtech, fornendo 15.000 euro di capitale, oltreché servizi di tutoraggio e mentoring, 6 mesi di ospitalità (inclusi 3 mesi di accelerazione) e l'accesso a un network di partner di settore, investitori e fondi di venture capital internazionali. Ai 15.000 euro va aggiunta la possibilità per le startup migliori di aggiudicarsi ulteriori 35.000 euro sotto forma di convertible notes sottoscritti da alcuni dei partner principali come LVenture e PiCampus.

Le startup selezionate avranno inoltre accesso diretto ai contatti chiave del settore, tra cui: più di 100 mentor da start-up e aziende come Facebook, Amazon, Guala, Cisco, Monsanto, Google, Intel, Salesforce, The Fork e molti molti altri; oltre 1.000 Business Angel e VC come Accel, Endeit, Earlybird, Sunstone, Google VC, e molti altri; oltre 200 attori influenti nelle industrie alimentari, nonché leader esperti del settore foodtech. Oltre 200 startup hanno già fatto l’application presentando le proprie idee imprenditoriali alla call internazionale che scade il 19 settembre.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza