cerca CERCA
Martedì 22 Giugno 2021
Aggiornato: 18:56
Temi caldi

Caso Regeni, in settimana nuova rogatoria al Cairo su tabulati e celle

11 aprile 2016 | 17.29
LETTURA: 3 minuti

alternate text
(Afp) - AFP

E' previsto entro la settimana in corso l'invio al Cairo della nuova rogatoria da parte della Procura di Roma ai magistrati per avere ulteriori informazioni sulla vicenda di Giulio Regeni. Con la richiesta che sarà inviata per via diplomatica il procuratore Giuseppe Pignatone e il pm Sergio Colaiocco rinnoveranno la richiesta di tabulati, celle telefoniche ed esito delle indagini riguardanti l'eliminazione della banda che secondo la versione egiziana sarebbe stata responsabile del sequestro di Regeni e del suo assassinio. Su questa parte delle indagini nonostante le richieste nessun atto è stato ad oggi consegnato alle autorità italiane.

Una delegazione del Partito degli Egiziani Liberi, composta dal suo fondatore, il tycoon Naguib Sawiris, e dal presidente Essam Khali, ha incontrato a Roma il capo della commissione Esteri della Camera, Fabrizio Cicchitto, per discutere del caso Regeni.

La delegazione si è mostrata "solidale" con l'Italia e ha sottolineato che il "popolo egiziano è sconvolto" per quello che è avvenuto, sottolinea Cicchitto ad Aki-Adnkronos International. La delegazione del Partito degli Egiziani Liberi, che ha chiesto l'incontro, ha spiegato che intende "fare pressioni sul governo" del Cairo per ottenere la verità sull'omicidio del ricercatore.

"Sono venuti per marcare che in Egitto c'è una posizione che non fa sue le versioni della polizia e del ministero dell'Interno - afferma Cicchitto - non sono in rottura con al-Sisi (il presidente egiziano Abdel Fattah, ndr), ma hanno una posizione diversa".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza