cerca CERCA
Martedì 25 Gennaio 2022
Aggiornato: 03:04
Temi caldi

Caso Saguto, dal 27 gennaio la requisitoria del processo d'appello

02 dicembre 2021 | 16.15
LETTURA: 3 minuti

alternate text
Silvana Saguto

(dall'inviata Elvira Terranova) - L'ormai ex giudice Silvana Saguto e il suo 'cerchio magico' a partire dal 27 gennaio 2022 saranno nuovamente sul banco degli imputati nel processo d'appello che si celebrerà davanti alla Corte d'appello di Caltanissetta. Oggi, al termine di una breve Camera di consiglio, il Presidente della Corte Marco Sabella ha annunciato la riapertura dell'istruttoria dibattimentale del processo d'appello, accogliendo la richiesta delle difese dei dodici imputati. Rigettata, invece, la richiesta delle difese di alcuni imputati di sentire in aula quattro funzionari della Direzione investigativa antimafia. Per la Corte d'Appello le loro testimonianze non sono ritenute fondamentali ai fini del processo. La Corte d'appello ha invece accolto la richiesta di ammissione di alcuni documenti, tra cui delle intercettazioni e alcuni file audio. La requisitoria della Procura generale inizierà, dunque, il prossimo 27 gennaio. A rappresentare l'accusa la Procuratrice generale Lia Sava e la pm Claudia Pasciuti, applicata per l'occasione.

Nella scorsa udienza erano state le difese a chiedere la riapertura del processo, dopo la sentenza di primo grado. Sempre nella scorsa udienza era stata chiesta anche la produzione di alcune trascrizioni di intercettazioni, la deposizione di testimoni, compresi alcuni funzionari della Dia, e l'acquisizione di diversi articoli di stampa sulla presunta "gogna mediatica" che si sarebbe scatenata sulla figura dell'ex presidente della sezione Misure di prevenzione del Tribunale di Palermo.

La Camera di consiglio è durata poco più di un'ora

La Procura generale non si era opposta alle richieste all'ascolto in aula di testimoni mentre per le altre aveva chiesto un termine per potere interloquire. E oggi l'udienza è iniziata per l'appello e subito dopo la Corte, presieduta da Marco Sabella, si è ritirata in Camera di consiglio per sciogliere le riserve. La decisione è arrivata dopo poco più di un'ora con l'annuncio della riapertura dell'istruttoria dibattimentale.

La prima udienza era iniziata, la volta scorsa, con la lettura della relazione introduttiva del presidente della Corte d'appello di Caltanissetta. In primo grado Silvana Saguto, l'ex giudice nel frattempo radiata dalla magistratura, era stata condannata a otto anni e mezzo di reclusione per la gestione dei beni sequestrati, insieme con il suo 'cerchio magico', con l'accusa di corruzione e abuso d'ufficio. Sagutoi difesa dagli avvocati Antonino e Giuseppe Reina, neppure oggi era in aula. Per i giudici, che nell'ottobre di un anno fa hanno condannato l'ex giudice avrebbe gestito i beni sequestrati e confiscati alla mafia "con interessi familistici" per "favorire amici e parenti", come dice la procura.

L'ex presidente della sezione misure di prevenzione del tribunale di Palermo è stata condannata in primo grado anche a risarcire 500 mila euro alla presidenza del Consiglio dei ministri, costituitasi parte civile nel processo. Un risarcimento compreso tra 50 mila e 400 mila euro in favore della presidenza del Consiglio dovrà essere versato anche da altri sei imputati: tra questi il marito di Saguto, Lorenzo Caramma, e l'avvocato Gaetano Cappellano Seminara. A sette anni e sei mesi era stato condannato l'avvocato Gaetano Cappellano Seminara, il "re" degli amministratori giudiziari per il quale la procura aveva chiesto la condanna a 12 anni e tre mesi. Sei anni e 10 mesi per l'ex professore della Kore Carmelo Provenzano. Tre anni per l'ex prefetta di Palermo Francesca Cannizzo. Un "sistema perverso e tentacolare", lo avevano definito i pubblici ministeri Maurizio Bonaccorso e Claudia Pasciuti nel corso della requisitoria del processo di primo grado. Assolti invece Vittorio Saguto padre dell'ex magistrato, Aulo Gigante e Lorenzo Chiaramonte, ex giudice della sezione Misure di prevenzione. Assoluzioni diventate definitive.

Questi gli altri condannati dal Tribunale di Caltanissetta in primo grado: all'ingegner Lorenzo Caramma, marito di Silvana Saguto sei anni e due mesi di carcere; a Roberto Nicola Santangelo, amministratore giudiziario, sei anni e due mesi; all'avvocato ed ex amministratore giudiziario Walter Virga, un anno e 10 mesi; a Emanuele Caramma, figlio di Saguto, a Roberto Di Maria, preside della facoltà di Giurisprudenza di Enna, due anni e otto mesi; a Maria Ingrao, moglie di Provenzano, quattro anni e due mesi; a Calogera Manta, cognata di Provenzano, quattro anni e due mesi; al colonnello della Dia Rosolino Nasca, quattro anni. Oggi l'annuncio della riapertura dell'istruttoria dibattimentale. E dal 27 gennaio si comincia con la requisitoria.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza