cerca CERCA
Martedì 15 Giugno 2021
Aggiornato: 11:50
Temi caldi

Animali: avvistamenti cinghiali Roma nord, sbucano anche in campo golf

21 marzo 2015 | 18.05
LETTURA: 3 minuti

Molti i casi segnalati sulla Cassia, ma anche nella zona della Giustiniana e della Valle Muricana. Forestale: "Tanti esemplari per ripopolamento venatorio degli anni Sessanta e Settanta". Ma anche perché manca "il predatore per eccellenza: il lupo"

alternate text
Cinghiali a spasso per la città

"Cinghiali? Un giorno c'era una bella famigliola. Sei, sette, mamma e papà con i cuccioli striati alla buca uno". E' quanto confermano all'Adnkronos dal campo da Golf dell'Olgiata a Roma. "Paura? Qualche giocatore sì - spiegano -, perché normalmente non attaccano, ma se sono tanti possono diventare pericolosi per difendere i piccoli. Noi abbiamo avvertito le autorità competenti, ma ancora non è successo nulla". La zona, spiegano, è ricca di "boschi di quercia" e quindi "quando cadono le ghiande loro banchettano".

Sarà forse per la vicinanza del Parco di Veio, ma se ne vedono sempre di più a Roma Nord. Molti i casi segnalati sulla via Cassia. Ma anche nella zona della Giustiniana, dell'Olgiata e della Valle Muricana. "E' un problema che ha origini lontane, al ripopolamento venatorio di cinghiali appunto, effettuato negli anni Sessanta e Settanta - spiega all'Adnkronos Carlo Costantini, comandante provinciale della Guardia Forestale -, vennero introdotti esemplari dell'Est, provenienti soprattutto dall'Ungheria, molto prolifici. Per questo sono diventati sempre di più. E poi, manca il loro predatore per eccellenza: il lupo". Quindi i cinghiali diventano sempre più numerosi. "Pericolosi? Più che altro per gli incidenti che possono provocare sulle strade" spiega Costantini.

Più che gli uomini a rischiare in caso di un 'incontro ravvicinato' sono i cani. Circa un anno fa, infatti, proprio nella zona dell'Olgiata è stato aggredito un Jack Russel che si è salvato, riportando solo qualche ferita. "Sono i cani a rischiare di più - precisa all'Adnkronos l'etologo Danilo Mainardi - raramente i cinghiali attaccano gli uomini, capita quando ci sono le mamme con i loro cuccioli, lo fanno per difesa, per difendere i loro piccoli. Ormai si avvicinano sempre più alle città perché vanno in cerca di cibo e lo trovano molto spesso nei cassonetti della spazzatura".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza