cerca CERCA
Martedì 26 Ottobre 2021
Aggiornato: 09:51
Temi caldi

Coronavirus, inviato Onu in Siria: "Cessate il fuoco immediato"

24 marzo 2020 | 14.59
LETTURA: 2 minuti

L'appello di Geir Pedersen:"Concentrare ogni sforzo contro il coronavirus". L'inviato delle Nazioni Unite ha chiesto anche il "rilascio di tutti i detenuti e delle persone rapite''. Quindi la richiesta ai Paesi donatori perché "facciano la loro parte"

alternate text
(Afp)

L'inviato speciale delle Nazioni Unite per la Siria, Geir Pedersen, ha rivolto un appello per ''un cessate il fuoco immediato, completo e su scala nazionale'' per permettere di concentrare ''tutti gli sforzi per eliminare il coronavirus''.

Il diplomatico si è richiamato alle parole del segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres, che aveva chiesto un ''cessate il fuoco mondiale'' per poter indirizzare gli sforzi nel contrastare la diffusione del Covid-19. Con un intervento su Twitter, Pedersen ha anche chiesto il ''rilascio di tutti i detenuti e delle persone rapite in Siria'', invitando a fornire ''cure mediche ai prigionieri''.

Quindi l'inviato delle Nazioni Unite ha rivolto un appello ai ''donatori internazionali'' perché facciano la loro parte per combattere la diffusione del coronavirus e forniscano ''tutto il sostengo umanitario necessario, rispondendo agli appelli dell'Onu''. In particolare, Pedersen ha invitato a ''fare ciò che si deve per permettere che i siriani in tutte le parti del Paese abbiano accesso alle risorse e al materiale necessario a combattere il virus''. Nei giorni scorsi il Segretario generale dell'Onu Antonio Guterres aveva sottolineato come sia ancora più difficile, per i sistemi sanitari al collasso nei Paesi colpiti dalla guerra, affrontare l'emergenza coronavirus.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza