cerca CERCA
Domenica 05 Dicembre 2021
Aggiornato: 00:28
Temi caldi

Cosenza, inchiesta 'Sangue infetto': condannato primario

14 luglio 2020 | 13.19
LETTURA: 1 minuti

Assolto invece l'ex direttore sanitario di presidio dell’Ospedale

alternate text
Fotogramma

La Corte di Appello di Catanzaro, confermando la sentenza di primo grado, ha condannato Marcello Bossio, ex primario del reparto di Immunoematologia dell’ospedale Annunziata di Cosenza, e assolto, riformando la prima pronuncia, Osvaldo Perfetti, ex direttore sanitario di presidio dell’Ospedale di Cosenza. Bossio e Perfetti erano imputati nell’ambito dell’inchiesta "Sangue infetto" sulla morte, avvenuta il 4 luglio del 2013, di un pensionato di Rende (Cs), il 79enne Cesare Ruffolo, a causa di una trasfusione con sangue contaminato da un batterio.

Lo stesso sangue utilizzato per la trasfusione effettuata su un secondo paziente, il 37enne Francesco Salvo, che si salvò solo grazie all’intervento dei medici. Ma se nel processo di primo grado i giudici condannarono Bossio a due anni di reclusione e Perfetti a 7 mesi per omissione di atti d’ufficio, somministrazione di medicinali guasti e, dunque, per la morte dovuta a un atto considerato doloso (pena sospesa per entrambi e interdizione dai pubblici uffici per sei mesi), in appello i giudici hanno confermato la sentenza contro l’ex primario, ma assolvendo l’ex direttore sanitario del nosocomio della città dei Bruzi.         

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza