cerca CERCA
Sabato 04 Dicembre 2021
Aggiornato: 00:39
Temi caldi

Notificata la sospensione a De Magistris. L'ex pm: "Italia democrazia malata, c'è il rischio regime"

02 ottobre 2014 | 11.56
LETTURA: 4 minuti

Il provvedimento è stato firmato dal prefetto poco dopo la trasmissione della sentenza che lo condanna a 1 anno e 3 mesi nel processo Why not. Il primo cittadino di Napoli: "Non mi dimetto, non ho tradito i cittadini". E promette: ''Starò di più in strada a fare il sindaco dei cittadini'' /Video

alternate text
Luigi de Magistris (Infophoto) - INFOPHOTO

E' stato notificato al sindaco di Napoli Luigi de Magistris, per mano del presidente del Consiglio comunale Raimondo Pasquino, il provvedimento di sospensione dalla carica firmato mercoledì sera dal prefetto di Napoli Francesco Antonio Musolino.

La notifica è avvenuta alle 9.30 a Palazzo San Giacomo, sede del Comune di Napoli. Il provvedimento è stato firmato dal prefetto poco dopo la trasmissione della sentenza che condanna de Magistris a 1 anno e 3 mesi nel processo Why not.

"Non mi dimetto", ha detto l'ex pm in una conferenza stampa convocata a seguito del provvedimento di sospensione. Il sindaco di Napoli spiega di non essere legato a una poltrona che definisce "anzi pesantissima".

"Le dimissioni - continua - sono un atto etico non richiesto da quella che definisco legalità formale. Si prevede la sospensione, perché allora mi volete far dimettere? Lo farei se avessi tradito i concittadini, se avessi rubato, se fossi un corrotto o un mafioso. Invece mi condannano, unico caso in Italia, per abuso d'ufficio non patrimoniale perché ho osato fare un decreto dopo che un vicequestore mi ha chiesto di acquisire utenze in contatto con criminali. Non sapevo chi erano, scopro che sono di parlamentari e mi fermo. Vengo condannato e mi dovrei dimettere?", ha sottolineato.

La sospensione dal ruolo di sindaco di Napoli "sarà breve, credo tre o quattro mesi", ha assicurato de Magistris. "Sarà breve - ha continuato - ma non un lampo, come il tempo passato tra la sentenza del Tribunale e il provvedimento del prefetto che dice di aver letto la sentenza ma non ci sono ancora le motivazioni".

"Siamo fiduciosi nei ricorsi che attueremo all'autorità giudiziaria nei prossimi giorni - ha spiegato de Magistris - e perché l'appello si terrà in breve tempo perché il reato è quasi prescritto".

"Contro di me si saldano poteri che me l'hanno giurata a morte con la volontà di molti di mettere le mani sulla città", ha detto. "Vedo una dicotomia - ha incalzato - tra la nomenklatura di regime che parla sempre la stessa lingua e le persone che, comunque la pensino sull'amministrazione, hanno ben capito di cosa stiamo parlando. I segnali inquietanti si sono visti ad esempio sulla questione Bagnoli. La nostra è un'operazione di libertà e di resistenza nei confronti di un sistema che vorrebbe rimettere le mani sulla città".

"Per me è un giorno buono, non vivo la sospensione come un dramma - ha detto - ma come opportunità per far comprendere quanta strada il Paese deve ancora fare per evitare che da democrazia malata diventi regime".

"Nella storia del Paese - ha aggiunto - sono avvenuti episodi più o meno recenti nei quali persone che non si uniformavano al pensiero unico sono state fermate in modo violento. Da tempo dico che i servitori dello Stato che hanno giurato fedeltà alla Costituzione vengono fermati attraverso l'utilizzo cosiddetta legalità formale. L'Italia è una democrazia malata, persone che hanno il coraggio di agire contro il sistema criminale e le mafie non vengono premiate, ma sono cattivi magistrati".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza