cerca CERCA
Giovedì 23 Settembre 2021
Aggiornato: 21:51
Temi caldi

De Rienzo, domani autopsia per chiarire causa morte

19 luglio 2021 | 12.28
LETTURA: 2 minuti

Verranno eseguiti anche gli esami tossicologici. La famiglia nomina un proprio consulente

alternate text
Foto Fotogramma

Verrà eseguita domani l’autopsia sul corpo dell’attore Libero De Rienzo, trovato senza vita nella sua casa in zona Madonna del Riposo a Roma giovedì sera. I magistrati di piazzale Clodio hanno affidato questa mattina l’incarico ai medici legali del Policlinico Gemelli. Oltre all’autopsia verranno eseguiti anche gli esami tossicologici.

Leggi anche

La famiglia dell’attore ha nominato un proprio consulente che assisterà agli accertamenti disposti dai pm, necessari a fare luce sulle cause che hanno portato alla morte. Nel fascicolo aperto a piazzale Clodio, e coordinato dal procuratore aggiunto Nunzia D’Elia e dal sostituto Francesco Minisci, si procede per l’ipotesi di morte come conseguenza di altro reato.

L’avvocato Piergiorgio Assumma, legale di fiducia e amico della famiglia dell’attore, precisa che, al momento, “si sta verificando, da parte degli organi di stampa, una fuoriuscita di notizie. Tale incontrollata divulgazione, ingiustificata a livello umano, è basata su notizie che per legge, rappresentando anche il contenuto di atti di indagine, dovrebbero essere coperte dal segreto istruttorio. Ciò rappresenta - spiega nella nota - non solo in ottica della privacy, ma anche in termini dei due codici, penale e di procedura penale, una piena violazione”.

“Su questo punto, la difesa si riserva eventuali azioni giudiziarie, qualora continui questo comportamento, ossia, non quello della libertà di stampa, circa la notizia della morte di Libero, ma quello relativo a notizie che stanno apparendo spesso romanzate (quali: la presenza di una terza persona nell’appartamento, il decesso da più di 24 ore ecc.)”, spiega.

Il legale ricorda che, “attualmente, siamo di fronte ad ipotesi investigative e sarebbe doveroso un maggior contegno, nel rispetto non solo dei familiari, ma anche dei due figli di Picchio, rispettivamente di 2 e 6 anni. La presenza dei due minori richiede e richiederà sempre un tratto umano di maggior livello. Tali ipotesi stanno alimentando, infatti, il dolore dei familiari, aggiungendo ulteriore ed inutile angoscia, che nell’astratta ipotesi di una ricostruzione veritiera, non aggiungerebbero nulla alla realtà dei fatti, ma, anzi, lederebbero l’immagine e la memoria di un grande artista. Nella vita, bisogna avere rispetto della morte. La difesa tende a precisare che non rilascerà ulteriori comunicazioni”.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza