cerca CERCA
Domenica 28 Novembre 2021
Aggiornato: 07:32
Temi caldi

Bufera su Poletti, Speranza avverte: "Via i voucher o sfiducia"

21 dicembre 2016 | 14.16
LETTURA: 3 minuti

alternate text
Giuliano Poletti (Fotogramma) - FOTOGRAMMA

E' stata depositata questa mattina al Senato una mozione di sfiducia nel confronti del ministro del Lavoro e delle politiche sociali Giuliano Poletti, firmata dai senatori di Sinistra italiana, del Movimento 5 Stelle, della Lega nord e di alcuni senatori del Gruppo Misto. Lo rende noto un comunicato dell'ufficio stampa di Sinistra italiana al Senato.

"Il ministro - è scritto nella mozione di sfiducia - ha nelle ultime settimane dato riprova di un comportamento totalmente inadeguato al suo ruolo, esprimendosi in più di un'occasione con un linguaggio discutibile e opinioni del tutto inaccettabili".

In particolare, la mozione di sfiducia ricorda la dichiarazione "inaccettabile e che compromette la libertà di voto dei cittadini" del ministro Poletti sulla possibilità di evitare il referendum sul Jobs Act grazie allo scioglimento delle Camere e alla convocazione delle elezioni politiche, e le "affermazioni gravissime" dello stesso ministro sui giovani italiani costretti a cercare lavoro all'estero.

"Lettera aperta al ministro Poletti: via i voucher o sfiducia" scrive su Twitter Roberto Speranza della minoranza Pd, rimandando a un intervento sull'Huffington post. "Caro Poletti -scrive Speranza nella lettera aperta pubblicata sull''Huffington post'- le tue parole sui giovani italiani che vivono all'estero sono sinceramente indifendibili. In queste ore hanno provocato sgomento e rabbia dentro la generazione più debole del nostro Paese. Una generazione che purtroppo vede poche prospettive nell'incertezza del futuro e troppe ansie e preoccupazioni nella durezza del presente". Speranza parla di una "brutta scivolata" a cui, a parte le scuse che sono state pronunciate, bisogna far seguire un'iniziativa per cancellare i voucher. Speranza parla dei voucher come "una nuova forma inaccettabile di precarietà" e "dobbiamo essere noi, insieme, governo e parlamento, a porvi subito rimedio". "Ti scrivo per chiederti un'iniziativa immediata. In Parlamento c'è già un buon testo base firmato da tutto il gruppo Pd in commissione lavoro e di cui è relatrice Patrizia Maestri. Non si può aspettare un solo giorno in più. Se vuoi dimostrare che quella frase è stato solo un incidente hai una strada maestra per farlo, proprio nella discussione che si terrà sulla tua mozione di sfiducia individuale".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza