cerca CERCA
Giovedì 19 Maggio 2022
Aggiornato: 11:44
Temi caldi

Fedarlinea: Raffaele Aiello è il neo presidente

08 aprile 2016 | 17.41
LETTURA: 3 minuti

alternate text

E' stato nominato oggi il nuovo consiglio direttivo di Fedarlinea, la principale associazione di rappresentanza delle Compagnie di cabotaggio marittimo cui aderiscono Snav, Tirrenia, Moby, Toremar, Caremar, Siremar, Laziomar, Medmar, Alilauro, Navigazione Libera del Golfo e Delcomar.

L'assemblea dei soci ha nominato Raffaele Aiello, amministratore delegato di Snav, quale presidente. Al timone dell'associazione lo affiancheranno i vice presidenti Vincenzo Onorato, armatore di Moby, Tirrenia e Toremar, Giuseppe Savarese, direttore generale di Moby, e gli altri componenti del consiglio direttivo, Salvatore Lauro, presidente di Alilauro, e Emanuele D'Abundo, presidente di Laziomar. Pasquale Russo è stato nominato direttore generale.

La nuova Fedarlinea - si legge in una nota - "consapevole del ruolo fondamentale che le Compagnie di cabotaggio rivestono oggi per lo sviluppo del Paese, si dichiara pronta a raccogliere la sfida di una forte azione a supporto di una politica di valorizzazione di un comparto che impiega più di 20.000 addetti italiani".

Fra i temi caldi enfatizzati nel corso dell'assemblea da Aiello e da Onorato figura la politica degli incentivi per la quale l'associazione "chiede che si torni al loro spirito originario, ovvero che le agevolazioni premino effettivamente ed esclusivamente le Compagnie che salvaguardano ed incrementano l'occupazione dei marittimi comunitari, ed in particolare degli italiani".

"Appare altrettanto indispensabile - continua la nota - un riequilibrio degli aiuti a vantaggio delle Compagnie operanti nel cabotaggio con le isole minori pesantemente penalizzate negli ultimi anni dall'esclusione degli sgravi contributivi sul personale e dalla modifica del regime Iva con conseguenti perdite per milioni di euro proprio a discapito delle imprese che garantiscono un servizio di pubblica utilità".

Aiello, classe 1946, una passione per il mare che l'ha portato a soli 14 anni a imbarcarsi come mozzo seguendo lo zio Giovanni su un vaporetto della Navigazione Libera che operava la linea Napoli-Capri, e poi a sedersi sui banchi dell´Istituto Nautico di Piano Bixio che ha formato ammiragli della Marina Militare e armatori del calibro di Achille Lauro e Gianluigi Aponte, è stato protagonista di una carriera che l'ha visto prima direttore generale e poi amministratore delegato di Snav.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza