cerca CERCA
Mercoledì 03 Marzo 2021
Aggiornato: 07:36
Temi caldi

Sfregiò con acido Gessica Notaro, condanna definitiva di 15 anni per ex

15 dicembre 2020 | 13.21
LETTURA: 2 minuti

alternate text
(Foto Fotogramma)
Roma, 15 dic. (Adnkronos)

Condanna definitiva per Edson Tavares, il 32enne di origine capoverdiana che sfregiò con l'acido l'ex fidanzata Gessica Notaro. La quinta sezione penale della Cassazione ha confermato per Tavares la condanna a 15 anni, 5 mesi e 20 giorni di reclusione inflitta dalla Corte di appello di Bologna, rigettando il ricorso della difesa.

Tavares, accusato di aver perseguitato e sfregiato con l'acido il 10 gennaio 2017 Gessica Notaro, si trova in carcere a Bologna dove sta scontando la pena a cui era stato condannato in appello nel novembre del 2018. Stamattina in udienza il sostituto procuratore della Cassazione Antonietta Picardi, che aveva già consegnato la sua requisitoria scritta nel novembre scorso, aveva chiesto di confermare la condanna del capoverdiano. Richiesta accolta dalla Suprema Corte, che ha anche confermato l'espulsione dall'Italia di Tavares a fine pena e i risarcimenti alle parti civili.

Gessica Notaro all'Adnkronos: "Nessuno può più dire che Tavares è innocente"

L’udienza in Cassazione inizialmente prevista per lo scorso marzo era stata rinviata a causa dell’emergenza coronavirus.

L'emoticon con le mani giunte e poi solo due parole "Oggi.. la Cassazione". Così questa mattina Gessica Notaro scriveva su Facebook in attesa della sentenza appena arrivata. Quasi cinquecento i commenti al post, tra incoraggiamenti a Gessica e richieste "che giustizia sia fatta".

"Finalmente sono state accertate fino in fondo le responsabilità di Tavares. Oggi c’è una sentenza resa nel nome del popolo italiano che dice a Gessica come sono andate le cose, anche se lei lo sapeva già dall’inizio" dicono all’Adnkronos gli avvocati Fiorenzo e Alberto Alessi, legali di Gessica Notaro.

"Si è sempre sostenuto che questo processo avesse esiti negativi per Tavares per via del tam tam mediatico. Una favola - sottolineano i due avvocati - smentita irrevocabilmente oggi dai supremi giudici. Ora non c’è alcun alibi che tenga. Tavares è l’uomo che ha sfregiato Jessica nel volto e anche nell’animo".

"Di certo rimane un processo indiziario come osservato dallo stesso presidente della sezione della Corte ed occorrerà riflettere se tale tipologia di giudizio sia compatibile con l'ordinamento giuridico soprattutto quando l'imputato continua a professarsi innocente" affermano gli avvocati Riccardo Luzi e Alessandro Pinzari, difensori di Edson Tavares.

"Il fatto che il ricorso sia stato dichiarato ammissibile ci porta non solo a provare soddisfazione professionale ma anche ad affermare che i motivi dedotti erano suffragati da questioni di diritto di rilievo indubbio. Chiaramente - sottolineano - dispiace il rigetto nel merito su cui per esprimere un commento toccherà attendere le motivazioni".

"Vedremo in seguito di esaminare altri eventuali ricorsi anche se rimane l'amara sensazione di un accertamento processuale incompleto di una vicenda con indubbi eccessi mediatici", concludono.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
L´ informazione continua con la newsletter

Vuoi restare informato? Iscriviti a e-news, la newsletter di Adnkronos inviata ogni giorno, dal lunedì al venerdì, con le più importanti notizie della giornata

Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza