cerca CERCA
Domenica 24 Ottobre 2021
Aggiornato: 11:05
Temi caldi

Gigantesca frana al confine tra Italia e Svizzera: 100 sfollati

23 agosto 2017 | 19.23
LETTURA: 3 minuti

alternate text

Frana in Val Bregaglia, al confine tra Italia e Svizzera. Gli abitanti di Bondo, un centinaio di persone, sono stati sfollati a seguito della frana scesa dal Pizzo Cengalo intorno alle 9.30 di stamane, mercoledì 23 agosto. Dal versante nord della montagna di 3.396 metri al confine con l'Italia, vicina a Pizzo Badile, "si sono staccate delle rocce che hanno dato origine a una colata detritica nella sottostante Val Bondasca", rende noto la polizia cantonale. La frana è arrivata vicino al villaggio di Bondo, dove tutti gli stabili sono stati evacuati da vigili del fuoco, dipendenti comunali e polizia cantonale.

Secondo le informazioni raccolte finora "non ci sarebbero feriti, ma è stato ritenuto opportuno predisporre l'evacuazione per motivi preventivi di sicurezza", ha spiegato all'Ats René Schuhmacher, portavoce della polizia. Due stalle sono state colpite dalla colata detritica e distrutte. Intanto la strada cantonale della valle tra Stampa e Castasegna è stata chiusa al traffico. Un elicottero ha trasportato in salvo alcuni escursionisti, rimasti intrappolati a causa della frana.

L'area è protetta da un sistema di allarme detriti, "installato dopo la prima frana nella zona nel 2012, che si attiva appena le rocce si staccano e prima che arrivino a valle, inviando un segnale ai semafori stradali che immediatamente bloccano le strade della zona", ha spiegato all'Ats la sindaca di Bregaglia, Anna Giacometti.

"Si sapeva che una nuova frana fosse possibile ma non ci si aspettava tutto questo materiale detritico", ha evidenziato Giacometti, aggiungendo che al momento i tecnici sono a lavoro nella zona e non c'è ancora una stima ufficiale della quantità di materiale franata.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza