cerca CERCA
Giovedì 13 Maggio 2021
Aggiornato: 18:18
Temi caldi

Governo, Berlusconi sente Draghi: non sarà a consultazioni

05 febbraio 2021 | 13.39
LETTURA: 2 minuti

Il Cavaliere ha anticipato al presidente incaricato la posizione di Forza Italia

alternate text
(Fotogramma)

Silvio Berlusconi non andrà alle consultazioni con il presidente incaricato Mario Draghi. "Il presidente non potrà partecipare oggi, suo malgrado, lo ha comunicato lui stesso a Draghi in un lungo e cordiale colloquio telefonico - si legge in una nota di Forza Italia - nel quale gli ha espresso il suo rammarico, e gli ha anticipato la posizione di Forza Italia che gli sarà illustrata nel pomeriggio dalla delegazione composta dal vicepresidente Tajani e dalle capigruppo Bernini e Gelmini".

Leggi anche

Un colpo di scena visto che Berlusconi era atteso oggi a Roma per guidare la delegazione di Forza Italia da Draghi ma è stato costretto a dare forfait per "motivi precauzionali legati allo stato di salute". Fonti azzurre precisano comunque che l'ex premier "sta benissimo", ma i medici, Alberto Zangrillo in testa, gli avrebbero consigliato di restare in Provenza, dopo aver prescritto un periodo di riposo assoluto di almeno 15 giorni. Nessuna ragione politica, insomma, alla base del forfait. Piuttosto, riferiscono le stesse fonti, il consiglio medico di evitare sballottamenti, come il viaggio in aereo, e stress, ancora per un po'.

Secondo il programma originario, apprende l'Adnkronos, poi annullato, Berlusconi doveva fare una toccata e fuga, riposarsi qualche ora, recarsi alla Camera da Draghi e poi ripartire per la Francia. Prima di partecipare alle consultazioni, raccontano, l'ex premier avrebbe soggiornato per la prima volta nella ex Villa Zeffirelli di sua proprietà, sull'Appia antica, lontano da occhi indiscreti, diventata la nuova residenza romana del Cav dopo l'addio a palazzo Grazioli (il contratto d'affitto di via del Plebiscito è scaduto il 31 dicembre scorso). Intorno all'ora di pranzo il leader forzista avrebbe dovuto vedere i vertici azzurri, il vicepresidente del partito, Antonio Tajani, e i capigruppo di Camera e Senato, Maria Stella Gelmini e Anna Maria Bernini, per fare il punto prima di incontrare l'ex presidente della Bce.

Le prime indiscrezioni sul possibile forfait alle consultazioni sarebbero iniziate a circolare solo di primo mattino. Fino a ieri sera, raccontano, Berlusconi aveva confermato a tutti che ci sarebbe andato lui da Draghi. Io ci sarò, ci vediamo domani, avrebbe assicurato a chi ha avuto modo di sentirlo al telefono. Il giorno dopo poi il tam tam sull'annullamento della trasfera si sarebbe fatto sempre più forte. In un primo momento sembrava che il Cav avesse solo posticipato la partenza, poi invece, la scelta di rimanere a Valbonne, che ha preso tutti in contropiede e deluso gli azzurri che già pregustavano l'immagine plastica in diretta tv del 'capo' tornato in campo a riprendersi la scena e a 'rubarla' agli alleati sovranisti.

Il 'ritorno' di Berlusconi per incontrare 'Super Mario', infatti, era stato accolto con entusiasmo dal partito. In particolare dall'ala moderata, sempre più insofferente per una coalizione a trazione salviniana. Ora 'l'amara sorpresa' e la speranza che il leader possa tornare a Roma al più presto, magari giusto in tempo per il secondo giro di consultazioni.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza