cerca CERCA
Giovedì 17 Giugno 2021
Aggiornato: 10:45
Temi caldi

In quanto di "preminente interesse nazionale"

Infrastrutture, Serracchiani: altre 2 opere in Intesa quadro tra Ministero e Regione

21 febbraio 2014 | 20.26
LETTURA: 2 minuti

alternate text

L'ammodernamento del Nodo ferroviario di Trieste e il completamento della tangenziale Sud di Udine andranno a integrare, in quanto di "preminente interesse nazionale", l'elenco delle opere strategiche da realizzare, contenute nell'Intesa generale quadro tra il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e la Regione Friuli Venezia Giulia, siglata nel 2002 e aggiornata nel 2008. "La Regione - ha spiegato la presidente Debora Serracchiani - ha lavorato in questi mesi in stretto contatto con il Ministero per arrivare a riscrivere l'intesa''.

''Il contesto generale di riferimento della programmazione comunitaria e nazionale sulle reti infrastrutturali - prosegue la governatrice - ha infatti subito significative trasformazioni e sono mutate le esigenze del Friuli Venezia Giulia. Pertanto è maturata la necessità di inserire nel documento programmatorio questi due interventi: sono fondamentali per garantire una connessione funzionale tra le strutture portuali, interportuali e le maggiori aree produttive con i cosiddetti Corridoio 1 Adriatico Baltico (sulla direttrice Klagenfurt - Udine/Trieste - Venezia) e Corridoio 3 Mediterraneo (Lione-Trieste-Divaccia)''. Da qui la richiesta al Governo di una rivisitazione di contenuti delle Intese finora stipulate.

"Anche in questo momento di stasi, dovuta al cambio di Governo, abbiamo ritenuto di insistere da un lato per confermare le infrastrutture ancora strategiche, che riguardano in particolare i collegamenti ferroviari passeggeri merci ad alta velocità/alta capacità e quelli autostradali; dall'altro per includere la tangenziale Sud di Udine, opera di interesse nazionale pur a gestione regionale, che intendiamo prolungare fino a Campoformido, e la sistemazione del nodo di Trieste, per dar vita a un sistema ferroviario più moderno ed efficiente, a tutto vantaggio degli operatori economici del porto". "Contiamo - conclude Serracchiani - di essere la prima Regione in Italia a firmare la nuova Intesa generale quadro, appena costituito il nuovo Governo".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza