cerca CERCA
Giovedì 24 Giugno 2021
Aggiornato: 22:27
Temi caldi

Lannutti: "Germania-Hitler? Ho corretto il post ma non mi scuso"

14 aprile 2020 | 17.06
LETTURA: 3 minuti

Il senatore grillino all'Adnkronos: "Non ho nulla di cui scusarmi. E' stato un errore corretto immediatamente, punto"

alternate text
(Fotogramma)

di Antonio Atte
Il post sui tedeschi "nipotini di Hitler"? "E' stato un titolo, su Facebook, che ho corretto. Per me la partita è chiusa". Dopo il post sui 'Savi di Sion' che pregiudicò la sua corsa alla presidenza della Commissione d'inchiesta sulle banche, Elio Lannutti, senatore del Movimento 5 Stelle, finisce di nuovo nella bufera. Anche questa volta il M5S prende le distanze dalle parole dell'ex presidente Adusbef, dopo che il leader di Italia Viva Matteo Renzi ne ha chiesto l'espulsione.

La marcia indietro di Lannutti però è solo parziale: "Io - dice interpellato dall'Adnkronos - non ho nulla di cui scusarmi, è stato un errore corretto, punto. L'accostamento è stato un errore ma è stato corretto immediatamente. Per me la polemica è finita. Quando un giornale tedesco dipinge l'Italia come 'spaghetti e mafia', tutti zitti. Bisognerebbe criticare anche allora...".

E all'ex premier Renzi, replica così: "Le polemiche strumentali non mi fanno né caldo né freddo. Renzi ce l'ha con tutti perché si doveva dimettere dalla politica, voleva fare sfracelli e invece si ritrova con l'1,9%. Si commenta da solo...".

Parlando della difficile trattativa in corso a livello europeo sugli aiuti necessari a fronteggiare l'emergenza economica legata al Covid-19, Lannutti osserva: "Spero che la Germania venga incontro alle richieste dell'Italia". E se da Berlino dovesse arrivare un no definitivo ai coronabond o agli eurobond? "Se ne parla dopo. Conte sta giocando benissimo questa partita, a schiena dritta".

Sente spesso Beppe Grillo? "Beppe segue tutto. Anche secondo il Papa bisogna dare a tutti un reddito universale... Immaginiamo se non ci fosse stato il reddito cittadinanza in questa sciagura. Quelli che ora criticano, sono gli stessi che vorrebbero abrogare il reddito di cittadinanza. Grillo resta 30 anni avanti...", rimarca il senatore pentastellato.

"Questa è una sciagura, una tragedia superiore a una guerra. E' un evento mai accaduto prima. Non si può più ragionare con i vecchi schemi. C'è un costituzionalista, Paolo Maddalena, il quale ha detto che se dovesse mancare la solidarietà europea i trattati potrebbero essere sospesi. Nessuno vuole uscire dall'euro ma - insiste Lannutti - bisogna parlare con voci diverse da quelle del passato. Ci vuole la solidarietà tra Stati. O facciamo un'Europa dove c'è l'unione bancaria, fiscale o non se ne esce".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza