cerca CERCA
Martedì 21 Settembre 2021
Aggiornato: 08:11
Temi caldi

Lo sai che...

Le donne credono in Dio più degli uomini. Ecco perché

25 marzo 2016 | 08.45
LETTURA: 3 minuti

alternate text
(Fotogramma) - FOTOGRAMMA

Le donne sono più credenti degli uomini e più propense a pregare ogni giorno. Il motivo? Potrebbe essere scritto nei geni. Secondo uno studio condotto dall'istituto americano Pew e intitolato 'The Gender Gap in Religion', il gentil sesso sarebbe più predisposto a ringraziare Dio rispetto agli uomini. A parlare sono i numeri. Secondo gli esperti la differenza di genere sarebbe da rintracciare nel fatto che le donne nascono più religiose degli uomini.

Per realizzare lo studio, riportato dal 'Daily Mail', i ricercatori hanno condotto diverse interviste utilizzando e incrociando i dati di diversi paesi nel mondo per capire il modo in cui uomini e donne manifestano la propria fede. In Inghilterra, ad esempio, se il 23 per cento delle donne ammette di pregare ogni giorno, solo il 14 per cento degli uomini afferma di fare lo stesso. E mentre per il 25 per cento delle donne la religione è 'molto importante' solo il 18 per cento degli uomini la pensa allo stesso modo.

Quanto agli atei, Pew ha rilevato che il 56 per cento degli uomini non crede in Dio, mentre le donne che si professano atee sarebbero 'solo' il 46 per cento. "Apparentemente ci sono delle prove abbastanza convincenti, come alcuni studi sui gemelli, per ritenere che siano i geni a influenzare la nostra disposizione a essere credenti o meno - afferma David Voas, capo del dipartimento di scienze sociale all'University College di Londra - E' possibile che questo divario di genere sia in parte una questione biologica. Ma ammettendo che si tratti di un fattore genetico, dubito che sia quello che chiamano 'il gene di Dio' (una tesi elaborata dal genetista Dean Hamer, secondo la quale il gene VMAT2 determinerebbe la nostra predisposizione genetica a credere o meno in Dio, ndr)".

"Sembra più facile credere che le differenze fisiologiche o ormonali tra uomini e donne possano influenzare la personalità - conclude Voas - che a sua volta può essere collegata al 'pensiero religioso'". La ricerca ha infine sottolineato che mentre negli 81 paesi del mondo sui quali è stato condotto lo studio, le donne di 30 paesi (nella maggior parte dei casi cristiani) hanno mostrato un'alta percentuale di religiosità rispetto agli uomini, in 28 paesi popolati in maggioranza da musulmani, gli uomini si sono dimostrati più praticanti delle donne.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza