cerca CERCA
Lunedì 18 Ottobre 2021
Aggiornato: 00:04
Temi caldi

Agricoltura: meli più bassi e resistenti, arriva il frutteto sostenibile

29 agosto 2014 | 11.36
LETTURA: 3 minuti

La scoperta della Fondazione Edmund Mach: sistemi innovativi che si propongo di migliorare la frutticoltura in un’ottica di sostenibilità

alternate text

Anche il frutteto diventa sostenibile, se è 'in parete' e se ha le reti 'multifunzionali'. A fare la scoperta è la Fondazione Edmund Mach di S. Michele all'Adige che in questi giorni sta incontrando in Trentino i frutticoltori per illustrare i vantaggi della forma di allevamento in parete stretta e delle reti multifunzionali.

A Zambana, in zona Pasqualine, sono state visitate ad esempio prova varietà di melo resistenti alla ticchiolatura e coltivate col metodo biologico, in collaborazione con l’Ufficio produzioni biologiche della Provincia autonoma di Trento e il Consorzio trentino di bonifica.

“Presentiamo ai frutticoltori una serie di sistemi innovativi che si propongo di migliorare la frutticoltura in un’ottica di sostenibilità. Questa è una delle sfide della Fondazione Mach: puntare a minimizzare gli impatti dell’agricoltura per salvaguardare la salute dell’uomo, dell’ambiente e delle sue risorse” ha spiegato il direttore generale, Mauro Fezzi, presente a Zambrana con il dirigente del Centro Trasferimento Tecnologico, Michele Pontalti e il responsabile dell’Unità frutteto sperimentale e frigo-conservazione, Livio Fadanelli.

Due le tematiche dell’incontro: gli aspetti agrotecnici e gli aspetti di difesa, i primi gestiti da Alberto Dorigoni e Franco Micheli, i secondi e da Luisa Mattedi, Daniel Bondesan e Claudio Rizzi.

Ai frutticoltori è stato presentato un nuovo modello di frutteto con un sistema di allevamento particolare; in parete stretta, a più assi, con un’ altezza ridotta rispetto al classico spindle, gestibile senza scale e carri raccolta quindi con più sicurezza in campagna, e che richiede meno trattamenti chimici.

La forma di allevamento delle piante da frutto rappresenta uno snodo che condiziona l’agrotecnica e la difesa dai patogeni. U tilizzando la potatura verde e piante a più assi si ottiene un frutteto costituito da file strette e basse: si apre così un ventaglio di possibilità tecniche che vanno dalla meccanizzazione del diradamento e del diserbo, della potatura estiva ed invernale a finestre, fino all’uso degli atomizzatori scavallanti a ultra-bassa deriva e delle reti polifunzionali.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza