cerca CERCA
Giovedì 30 Giugno 2022
Aggiornato: 16:07
Temi caldi

Migranti nascosti su furgoni merci per farli entrare in Italia, smantellata organizzazione criminale

06 agosto 2016 | 07.53
LETTURA: 3 minuti

alternate text
(Fotogramma)

I carabinieri del Ros, con la collaborazione della Polizia slovena e ungherese, hanno eseguito in Lombardia, Veneto, Slovenia e Ungheria, un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Trieste, su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di quattro indagati per associazione a delinquere finalizzata al favoreggiamento dell'immigrazione clandestina, con l’aggravante della transnazionalità. I carabinieri hanno smantellato un'organizzazione criminale transnazionale di matrice pakistana, con base logistica a Milano, che favoriva l'ingresso in Italia di migranti facendoli entrare nel paese nascosti a bordo di furgoni merci.

Due destinatari del provvedimento, detenuti a Budapest (Ungheria) e Maribor (Slovenia), sono stati raggiunti da mandato di arresto europeo emesso dall’autorità giudiziaria italiana. Contestualmente è stata data esecuzione, in Italia, a un analogo provvedimento internazionale emesso dalle autorità ungheresi e sono state effettuate numerose perquisizioni volte a individuare l’intera rete di supporto logistico dell'organizzazione criminale.

I provvedimenti restrittivi scaturiscono da un’attività investigativa avviata dal Ros che, nell’ambito del monitoraggio dei recenti flussi migratori che hanno investito i confini orientali del continente europeo (la cosiddetta rotta balcanica), ha approfondito anche elementi acquisiti dalla questura di Gorizia e dalla Squadra Mobile, sviluppandoli in collaborazione con le Polizie slovene, tedesche e ungheresi, coordinate da Europol.

Al centro delle indagini un'organizzazione criminale transnazionale di matrice pakistana, con base logistica a Milano dove, tramite la costituzione di società di copertura fittizie, riconducibili a persone inesistenti e aperte grazie all’uso di documenti falsi, organizzava e gestiva il trasporto e l’ingresso clandestino di pakistani, bengalesi e afghani provenienti dall’Ungheria e diretti in l’Italia e altri Paesi nordeuropei.

In particolare, le indagini del Ros hanno documentato che i migranti, a fronte del pagamento di circa 1000 euro a persona, venivano trasportati a bordo di furgoni merci (sino a 36 persone per mezzo) presi a noleggio, preceduti da vetture staffette con il compito di segnalare la presenza di controlli effettuati dalle forze di polizia e, una volta giunti a destinazione, abbandonati nelle zone di confine tra Italia e Slovenia. Le indagini hanno consentito di rintracciare oltre cento clandestini e accertare un giro di affari superiore a 500mila euro annui.

Il ministro dell'Interno, Angelino Alfano, si è congratulato con il Comandante Generale dell'Arma dei Carabinieri, Tullio Del Sette. "Il risultato conseguito - sottolinea Alfano - contribuisce a rafforzare la fiducia dei cittadini nelle istituzioni che, con le Forze dell’ordine e la magistratura in prima linea, contribuiscono a indebolire i sistemi criminali sul territorio. In questo caso, di criminali senza scrupoli che sfruttano le sofferenze di persone come i migranti, in gravi difficoltà e pericolo di vita".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza