cerca CERCA
Lunedì 02 Agosto 2021
Aggiornato: 01:01
Temi caldi

Milano, donna violentata al Monte Stella: un fermo

23 luglio 2020 | 07.24
LETTURA: 1 minuti

Il Procuratore aggiunto di Milano, Letizia Mannella: "É un clandestino ma la violenza contro le donne è soltanto rabbia"

alternate text
(Fotogramma)

La Polizia di Stato, coordinata dalla Procura della Repubblica di Milano, con un'indagine lampo ha fermato l'autore della brutale violenza commessa, il pomeriggio del 15 luglio scorso, su una donna che passeggiava con il proprio cane al Parco Monte Stella. Le indagini della Squadra Mobile, sono state rafforzate dagli accertamenti scientifici effettuati dal Gabinetto Regionale della Polizia Scientifica.

Lo stupratore 24enne, di origine senegalese, è stato arrestato in un mercato comunale abbandonato nei pressi del luogo della violenza, zona San Siro, dove viveva insieme ad altri clochard. Nei giorni scorsi, gli inquirenti hanno fatto alcuni tamponi a tappeto di soggetti senza fissa dimora, indiziati come possibili autori della violenza sessuale: al senegalese il test salivare è stato fatto in questura due giorni fa, dove è stato accompagnato per un fotosegnalamento in quanto irregolare. In due giorni, le analisi della polizia scientifica hanno accertato la compatibilità del suo profilo genetico con il liquido seminale trovato sugli indumenti della vittima. Da qui, è scattato il fermo.

Lo stupratore del Monte Stella arrestato ieri sera dalla polizia di Milano "è un clandestino di colore ma secondo la nostra esperienza quotidiana la violenza contro le donne è soltanto rabbia, che non ha colore". Lo ha precisato il Procuratore aggiunto di Milano, Letizia Mannella, a capo del Pool ‘Fasce deboli’ della Procura, spiegando come si è arrivati al fermo in questura.  "E’ un uomo violento che non sa gestire la propria rabbia: è evidente che si tratta di rabbia e odio che qualunque aggressore può avere nei confronti di una donna. Questo delitto è particolare odioso perché è segno di odio di genere", afferma ancora il Pm. "Occorre agire sulla prevenzione e educare queste persone violente in modo da gestire i propri comportamenti". 

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza