cerca CERCA
Lunedì 06 Dicembre 2021
Aggiornato: 00:15
Temi caldi

Milano

Moda: la forma del colore secondo Cividini

22 settembre 2019 | 11.19
LETTURA: 2 minuti

alternate text

Potente, intenso, vibrante. Il colore che travolge. La spring-summer 2020 di Cividini riparte da qui. Dal colore e le sue forme che si fanno ora ricordo, ora memoria visiva. Sono quelle di una galleria d’arte, di un film o un libro che ci travolgono e rimangono impressi nell’anima.  Il risultato è una collezione tra le più fresche di questa stagione: le camicette leggere, quasi impalpabili, portate aperte sui bermuda a fiori, lo chemisier a righe bianche e gialle, o l’abito tie-dye, i pantaloni cargo damascati, i completi in lino, i minidress e i cappellini a cloche. Forme definite e colori in libertà.  Ispirazioni intelligenti quelle de ‘Il tè nel deserto’ di Bertolucci e dei colori dell’Africa di Storaro, che in passerella si traducono in azzurrini soavi, rosa cipria, gialli strong ed écru.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza