cerca CERCA
Mercoledì 16 Giugno 2021
Aggiornato: 10:19
Temi caldi

Mondo Rai/appuntamenti e novità

25 marzo 2020 | 06.29
LETTURA: 10 minuti

alternate text

Dovendo restare a casa, può essere di sollievo ricordare, o andare alla scoperta delle tante bellezze nazionali che oggi non si possono visitare. Ecco perché Rai1 ripropone un ciclo di alcuni viaggi di Alberto Angela nella nostra Italia. Si comincia domani alle 21.25 su Rai1 con “Stanotte a Venezia”. Alberto Angela accompagnerà gli spettatori fra calli e campielli alla scoperta della Venezia notturna, quella più affascinante e misteriosa, la più romantica delle destinazioni. Un palcoscenico pieno di arte, amori, intrighi e commerci su cui si muovevano personaggi, come Goldoni, Vivaldi, Marco Polo, Casanova. Un viaggio fra celebri capolavori come la Tempesta del Giorgione o l’Uomo vitruviano di Leonardo, fra i marmi preziosi e l’oro dei mosaici, il silenzio della laguna e il buio delle storiche prigioni. Qui tutto richiama Bisanzio e le rotte verso Oriente, tutto ricorda il coraggio di mercanti ed esploratori e la costruzione di una Repubblica che, per lunghi secoli, ha goduto di una piena indipendenza, rendendo la Serenissima un’esperienza unica nel panorama degli antichi stati italiani. Con Alberto Angela si scoprirà come si eleggeva il doge, come si costruiva una gondola o le robuste galee destinate a garantire a Venezia il dominio dei mari. E poi, cosa rende unici i preziosi vetri di Murano? Come dipingeva Canaletto le sue vedute? E come realizzava Tintoretto i suoi immensi teleri? Viaggiando alla scoperta di una società che amava ricchezza e raffinatezza, lusso e musica, gioco d’azzardo e belle cortigiane, Angela porterà anche dove il normale turista non può arrivare: sotto il soffitto di Palazzo Ducale o dietro le quinte della Fenice, facendo anche incontri davvero inaspettati, come un dinosauro in Canal Grande. Una notte in giro nella laguna, fino a rivedere sull’acqua i riflessi della luce rosa dell’alba. Una grande produzione arricchita da ospiti d’eccezione - come Giancarlo Giannini, Uto Ughi, Lino Guanciale, Giusi Buscemi, Luca Parmitano, Nanà Cecchi e Massimo Wertmuller - che si avvale della tecnologia 4K HDR, spettacolari riprese con droni, effetti speciali, minifiction, tutto al servizio di una grande operazione culturale di Rai1, che verrà trasmessa anche sul canale RAI 4K disponibile al 210 della piattaforma satellitare gratuita Tivùsat. Il ciclo “Stanotte al Museo” è un programma diretto da Gabriele Cipollitti e realizzato interamente da professionalità Rai.

Con lo speciale “Coronavirus: la sfida dell'Italia" torna domani alle 21.20 su Rai3, “PresaDiretta”, una puntata speciale della squadra di Riccardo Iacona sull’emergenza che stiamo tutti vivendo oggi. Un approfondimento a tutto campo sulle misure e le forze coinvolte nella lotta contro il contagio da Covid 19, sul piano sanitario, scientifico e su quello economico, in Italia e nel resto del mondo. Le storie e le testimonianze dei medici dalla prima linea del fronte che tutti i giorni combattono contro il virus. Le misure economiche straordinarie varate dal Governo. La corsa contro il tempo del mondo scientifico per arginare il contagio e trovare soluzioni. La società civile che reagisce e gli amministratori locali impegnati nel contrasto all’emergenza sanitaria. L’Europa e il mondo intero che corrono ai ripari e seguono il modello italiano per fronteggiare la pandemia. Testimonianze, storie, ospiti in collegamento e interviste con Riccardo Iacona, in diretta, per una serata speciale di approfondimento sull’epidemia che ha cambiato le nostre vite.

È un mercoledì sera all’insegna delle grandi storie italiane, quello in programma su Rai2 che domani ripropone, per quattro prime serate, “Maltese. Il romanzo del Commissario”, la serie con Kim Rossi Stuart, per la regia di Gianluca Maria Tavarelli, la storia del commissario capo della Questura di Trapani che negli anni Settanta ha combattuto con coraggio e determinazione la criminalità organizzata e le mire espansionistiche della mafia in Sicilia. Un bel cast affianca il protagonista Rossi Stuart: Rike Schimid, Francesco Scianna, Antonio Milo, Enrico Lo Verso, Paolo Ricca, Marco Leonardi, Roberto Nobile, Rosario Terranova, Claudio Castrogiovanni, Francesco Colella, Pippo Pattavina, Filippo Luna, Alessandro Schiavo, Cloe Romagnoli e con la partecipazione di Michela Cescon, di Eros Pagni e di Valeria Solarino. Nella prima puntata, in onda alle 21.20, il Commissario di polizia Dario Maltese si fa trasferire a Trapani per far luce sulla morte dell’amico fraterno Gianni, ucciso davanti ai suoi occhi alla vigilia del matrimonio. Questo ritorno riapre in lui una ferita profonda. Maltese intuisce presto che è stata la mafia ad assassinare Gianni, e proprio per questo tutti hanno fretta di archiviare il caso. Dario però va dritto per la sua strada, sulla quale trova due alleati inaspettati e un indizio determinante. Maltese - Il romanzo del Commissario è una coproduzione Rai Fiction – Palomar con Maze Pictures - Zdf Enterprises e Dramedy Productions.

Su Rai Storia 'a.C.d.C.' Dante e l'invenzione dell'Inferno - Su Rai1 'Porta a Porta' ospita Andrea Orlando

Da oltre 700 anni l'Inferno di Dante è, nell’immaginario collettivo, la più credibile descrizione dell'Aldilà. Le pagine del Sommo Poeta, composte nel 1300, hanno influenzato profondamente l'arte e la psicanalisi, ridefinendo i concetti di peccato e redenzione. Attraverso la messa in scena di alcuni degli episodi più conosciuti del poema, il documentario “L’inferno di Dante” - in onda domani alle 21.10 su Rai Storia per il ciclo “a.C.d.C” con l’introduzione del professor Alessandro Barbero - evidenzia il punto di contatto tra il racconto dantesco e le opere d'arte di celebri artisti. Alcuni tra i massimi esperti analizzano l’influenza dell’inferno dantesco sul mondo dell'arte e nella creazione di un nuovo immaginario: un viaggio attraverso la storia dell'arte grazie ad alcune delle pagine più scioccanti della lettura mondiale, scritte dal padre della lingua italiana.

Sarà il vice segretario del Pd Andrea Orlando l’ospite di domani, a "Porta a Porta". Assieme a lui, intervistato da Bruno Vespa sull'emergenza Coronavirus, altri ospiti. In onda alle 23.20, su Rai1.

Anche Rai Radio 3 si unisce alle celebrazioni del primo Dantedì, domani, data che gli studiosi individuano come inizio del viaggio ultraterreno della “Divina Commedia”. Al sommo poeta sarà dedicata la puntata di “Fahrenheit” che si aprirà alle 15.00 con una panoramica sulle attività online dedicate a Dante e presenterà il secondo volume della sua “Vita Nuova – Rime”. Sarà, inoltre, proposta la puntata finale di “Dante 7.5.0.” - programma curato nel 2015 da Susanna Tartaro, disponibile in podcast sul sito di Rai Radio 3 - dedicata al paradiso dantesco (e terrestre). Un viaggio tra la luce, le stelle e i pianeti danteschi ammirati dall'osservatorio silenzioso della navicella spaziale dell'astronauta Luca Parmitano e tra i "troppi paradisi" dello scrittore Walter Siti, entrambi ospiti della trasmissione e protagonisti delle lettura del canto XXXIII con Marco Menegoni, attore del gruppo teatrale Anagoor. A Dante sarà dedicata anche una parte della puntata de “La lingua batte” del 29 marzo condotta da Paolo Di Paolo.

Su Rai2, 'Dinastie, 'I pinguini imperatori' - 'Passato e Presente', la Sicilia dei Vicerè

I Pinguini imperatori sono al centro del nuovo episodio di “Dinastie”, la serie di documentari firmati BBC Earth, dedicati alle storie di animali in via di estinzione, in onda domani alle 15.30 su Rai2. La colonia di pinguini imperatori deve combattere per sopravvivere all'inverno più crudele sulla terra e può farlo solo attraverso il lavoro di squadra. Quattromila pinguini maschi uniscono le forze e si raggruppano in modo da creare una sorta di incubatrice gigante per le loro uova. Dopo due mesi, le uova si schiudono e le femmine ritornano per aiutare i maschi affamati e dare da mangiare ai nuovi pulcini. I pinguini a questo punto si alternano per nutrirsi e portare cibo ai loro piccoli, sino a quando questi ultimi sono cresciuti abbastanza . Solo allora, più autonomi, i pulcini adottano la strategia di sopravvivenza del padre, formando piccoli gruppi quando le bufere minacceranno di congelarli.

Pubblicato per la prima volta nel 1894, il capolavoro di Federico De Roberto, “I Vicerè” è al centro dell’appuntamento con “Passato e Presente”, il programma di Rai Cultura in onda domani alle 13.15 su Rai3 e alle 20.30 su Rai Storia. Del romanzo - che narra la vicenda della nobile famiglia Uzeda di Francalanza, dalla metà degli anni Cinquanta dell’Ottocento al 1882 - parlano il professor Giovanni Sabbatucci e Paolo Mieli. Discendenti in linea diretta dai dominatori spagnoli, dai cui il titolo “vicerè”, gli Uzeda vantano origini principesche e il filo conduttore del romanzo è costituito dalla lotta tra familiari per un’eredità. Sullo sfondo, gli eventi della storia nazionale: la spedizione dei Mille, la rivolta di Palermo del’66, la presa di Roma. Il romanzo è un atto di denuncia sociale contro la mentalità, le pratiche e le istituzioni dell’antico regime, ma descrive anche la tragica continuità di quelle pratiche nell’Italia postunitaria.

Per celebrare gli ottanta anni della Tigre di Cremona, Rai Movie propone, domani alle 10.20, il film “Urlatori alla sbarra” di Lucio Fulci con Mina, Adriano Celentano, Elke Sommer, Joe Sentieri. Italia, anni '60. Grandi voci della musica protagoniste di un musicarello frizzante, ambientato fra Roma e Milano, popolato da divi del momento e arricchito dal carismatico trombettista Chet Baker. Un gruppo di giovani appassionati della canzone urlata allestiscono uno spettacolo dedicato interamente a un nuovo repertorio da trasmettere sulla tv di stato. Riusciranno tra mille difficoltà ad andare in onda?

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza