cerca CERCA
Sabato 25 Settembre 2021
Aggiornato: 23:38
Temi caldi

Mondo Rai/appuntamenti e novità

15 giugno 2021 | 22.34
LETTURA: 6 minuti

alternate text
(Fotogramma) - FOTOGRAMMA

A “Chi l’ha visto?” domani alle 21.20 su Rai3, attese novità sul caso di Denise Pipitone e aggiornamenti sul caso di Saman, la ragazza uccisa dalla propria famiglia che la voleva costringere a un matrimonio combinato. Per la prima volta, poi, parlerà il figlio di Angela Costantino, la mamma che è stata fatta scomparire nel 1994 e di cui non è mai stato trovato il corpo. Dopo 15 anni, invece, è sparita nel nulla anche Barbara Corvi. Sono la cognata e la moglie di Roberto Lo Giudice, ora indagato per l’omicidio di quest’ultima.

La proposta di Rai2 per la serata di domani alle 21.20 è il thriller, in prima visione assoluta, “Tra le pagine della pazzia” di Sam Irvin con Nicky Whelan, Sierra McCormick, Ashley Rickards, Jesse Hutch. Dopo aver letto un libro su come lasciarsi alle spalle il passato e ricostruirsi una vita, Karen comunica a suo marito Aaron la decisione di separarsi e chiede il divorzio. Aaron perde il controllo e uccide con un colpo di fucile prima la moglie e poi se stesso. L’autrice del libro letto da Karen è Lorna Sisco, donna in carriera, sposata in seconde nozze con Harry, giornalista di viaggi. Lorna ha un figlio diciassettenne, Mark, avuto dal precedente matrimonio con Justin. I tre vivono nella casa di Harry. Durante il barbecue del 4 luglio, organizzato da Harry, Mark conosce Mallory, sua coetanea, che in breve lo fa innamorare di sè e lo costringe a lasciare la sua ragazza, Bridget. All’inizio Lorna crede si tratti di una infatuazione passeggera ma ben presto scoprirà che Mallory non è la ragazza che sembra e che ha un piano ben preciso e pericoloso…

La breve fase della guerra “vittoriosa”, nel giugno 1940, contro la nazione transalpina, già messa in ginocchio dall’invasione tedesca, e l’armistizio di Villa Incisa con i Francesi: l’attacco alla Francia è al centro di “1940: Italia in guerra”, in onda domani alle 21.10 su Rai Storia. Obiettivo, inoltre, sui primi bombardamenti sul suolo italiano e su alcune battaglie in mare e in Africa contro l’Inghilterra nell’estate-autunno 1940. A inizio ottobre, Mussolini, irritato poiché tenuto all’oscuro dei progetti bellici di Hitler, dichiara: “Stavolta lo ripago della stessa moneta”. L’obiettivo è conquistare la Grecia. Il racconto si svolge sulla base di documenti diplomatici custoditi presso il Ministero degli Affari Esteri, attraverso i diari e le testimonianze dei protagonisti di quei drammatici anni, le Teche Rai e i contributi di importanti storici italiani e stranieri.

A "Fuori Tg" la moneta che non si tocca - Vacanze ed Europei di Calcio a "Tg2 Italia"

Ottovolante bitcoin: dopo un massimo di quasi 65mila dollari, il bitcoin è crollato a 30mila prima di ritornare intorno ai 40mila. A far scendere la quotazione della moneta digitale l’attacco di Cina e Stati Uniti. Pechino blocca i pagamenti con bitcoin e criptovalute, gli USA annunciano restrizioni e più controlli fiscali. Anche Elon Musk ha dichiarato che la Tesla non accetterà più pagamenti in bitcoin fino a quando non saranno prodotti con energia più pulita. Ma nonostante siano sotto attacco i Bitcoin continuano a raccogliere sempre più investitori. Domani alle 12.25 su Rai3, a “Fuori Tg”, Maria Rosaria De Medici ne parlerà con Rosario Trefiletti, presidente del Centro Consumatori Italia, e con Ferdinando Ametrano, professore di bitcoin e blockchain technology all’Università di Milano-Bicocca.

A Tg2 Italia, domani alle 10.10 su Rai2, si parlerà di come sono cambiate nel corso degli anni le vacanze. Ospiti della trasmissione il direttore dell’Enit Giovanni Bastianelli e la senatrice Fiammetta Modena. La seconda parte del programma sarà dedicata agli Europei di calcio. Ospiti, la giornalista di Raisport Simona Rolandi e il medico sportivo Giuseppe Capua.

Con il candidato sindaco di ‘Azione’ primo ospite in studio, il magazine televisivo condotto da Francesca Parisella torna, da domani alle 22.55 su Rai2, ad approfondire nella stagione estiva i temi caldi della politica, dell’attualità e della vita sociale con una formula e con una collocazione oraria e settimanale nuove, per sei settimane, fino al 21 luglio. Francesca Parisella, anche autrice di un’intervista-ritratto a Enrico Michetti, candidato del centrodestra a Roma, sarà in studio insieme all’editorialista del programma Alessandro Giuli e sottoporrà a Carlo Calenda il confronto con gli avversari in campo, i problemi e le emergenze della Capitale ma anche questioni nazionali e temi europei, a partire dalla ripartenza post Covid e dal nodo relativo allo sblocco selettivo dei licenziamenti. Ad alimentare il dibattito contribuiranno i servizi realizzati dagli inviati e gli interventi di giornalisti ed esperti come Peter Gomez, Marco Antonellis e Raffaele Rio, il presidente di Demoskopika che per Anni20 Estate realizzerà ogni settimana un sondaggio sui temi politici e sociali del momento. Di ripartenza, delle nuove zone bianche e dei relativi effetti dell’archiviazione del coprifuoco si parlerà anche con il protagonista in studio della seconda parte del programma, il deputato leghista Claudio Borghi, con il segretario del partito comunista Marco Rizzo in collegamento e con il contributo di Anna Falchi e della giornalista e conduttrice Valentina Petrini.

Agatha Christie vs. Hercule Poirot su Rai5 - 'Passato e Presente' racconta Pio IX

“L’assassinio di Roger Ackroyd” è tra i romanzi più famosi di Agatha Christie. Il segreto del suo successo è in una tecnica narrativa assolutamente originale per l’epoca - il libro è del 1927- ovvero l’assassino si nasconde dietro la maschera del narratore. Un’audacia letteraria che attira l’ira dei puristi che accusano la Christie di aver violato i canoni del romanzo poliziesco. E se Hercule Poirot, nell’indicare il colpevole, avesse commesso l’errore più grave della sua carriera di detective? Parte da questo interrogativo il documentario “Agatha Christie vs Hercule Poirot”, in onda domani alle 19.20 su Rai5. A più di ottant'anni di distanza, con la complicità di Pierre Bayard, psicoanalista e professore di letteratura, Jean-Christophe Klotz offre un’affascinante decostruzione del libro e un ritratto originale di una scrittrice di culto, la cui vita conserva ancora oggi una parte di mistero. Bayard giunge a una conclusione assolutamente convincente, ma sbalorditiva: Agatha Christie è colpevole di un errore giudiziario. L'assassino non può essere il dott. Sheppard, come asserisce blandamente Hercule Poirot.

Quello di Pio IX, ultimo papa re, è stato il pontificato più lungo della storia della Chiesa. Ne parlano Paolo Mieli e il professor David Kertzer nell’appuntamento con “Passato e Presente”, il programma di Rai Cultura in onda domani alle 13.15 su Rai3 e alle 20.30 su Rai Storia. Nel corso del suo lungo regno, dal 1846 al 1878, papa Mastai Ferretti ha attraversato numerose e complesse stagioni. Indicato inizialmente come un campione del Risorgimento, grande riformatore e possibile federatore d’Italia, è passato poi, con incredibile rapidità, a essere considerato un traditore degli ideali nazionali e acceso avversario di ogni innovazione istituzionale. È l’uomo del Sillabo, nel quale condanna il modernismo, e della infallibilità del papa, solennemente proclamata nel corso del Concilio Vaticano I, ma allo stesso tempo è stato capace di dare grande impulso missionario all’azione della Chiesa, valorizzando enormemente il ruolo e il valore dei laici. Ha aperto le porte del ghetto di Roma, consentendo agli ebrei di praticare professioni fino a quel momento a loro precluse, ma si è anche reso protagonista del famoso “caso Mortara”, la sottrazione cioè di un bambino ebreo, ma battezzato da una governante cattolica, con l’intento di educarlo nella fede cristiana. Ha infine assistito, impotente, alla fine del millenario regno temporale dei papi, dichiarandosi prigioniero dello stato italiano, e considerando il Risorgimento una “una oppressione morale, civile e religiosa”.

"È brillante. È duro. E ho scoperto che è un degno avversario", ha detto Biden di Putin, alla vigilia del primo incontro tra il presidente statunitense e il suo omologo russo a Ginevra, in Svizzera. Sarà difficile che il faccia a faccia Putin-Biden di domani porti a qualche accordo immediato, ma il presidente USA ha sottolineato di voler incontrare Putin per fargli pressione direttamente sui cyberattacchi e sui diritti umani in Russia, oltre a cercare punti comuni sul controllo delle armi nucleari e il cambiamento climatico. Putin, invece, a cosa mirerà? Domani alle 11 a “Radio3Mondo”, Roberto Zichittella ne parlerà con Fabio Bettarin, professore di Storia della politica internazionale e Storia della Russia contemporanea all’Università di Napoli-l’Orientale, autore di "Putin e il mondo che verrà. Storia e politica della Russia nel nuovo contesto internazionale".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza