cerca CERCA
Lunedì 28 Novembre 2022
Aggiornato: 19:32
Temi caldi

N°21, ossessione tailoring. Dell’Acqua: "Così gioco con contrasti uomo-donna"

23 febbraio 2022 | 21.18
LETTURA: 2 minuti

alternate text
Uno dei look della fw 2022/23 di N.21 (AdnKronos)

L’ossessione per il tailoring c’è sempre, e da sempre. Ma stavolta, N°21, per la fall winter 2022/2023, ricalibra i codici stilistici, aggiornando il vocabolario di maschile e femminile. "Per questa collezione - spiega all’AdnKronos il direttore creativo, Alessandro Dell’Acqua - ho pensato a tanti tipi di donna, non a una in particolare, e partendo dal tailoring ho reso femminile tutta la parte maschile con corsetti e forme strizzatissime in vita". E' una co-ed donna e uomo, nella quale lo stilista ha ripreso il bias cut, il taglio a sbieco con una costruzione anni ‘40 di micro e macro paillettes nei toni champagne, nero e verde bosco, costruendo top, abiti corti e long dress. "La parte femminile - sottolinea - è realizzata con tessuti tipicamente inglesi, come i bustier e gli abiti trompe l’oeil. Ho voluto creare un contrasto tra femminile e maschile, che è molto presente in passerella, ma inserendolo in un contesto sartoriale, dove c’è meno casual".

Le stampe ricamate sono tutte nate dall’idea di un pattern hawaiano, che Dell’Acqua ha reimmaginato con ricami couture "molto pesanti" e una maglieria fatta per lo più di mohair traforato e drappeggi. In passerella, sulle note di ‘Love is a punk’ di Louisahhh, ‘Love is a batefield’ di Pat Benetar, e ‘Vitamin C’ di Can, sfilano giacche e cappotti dal taglio militare, abiti in chiffon crépon, orlati in tessuto Harris Tweed, trasparenze e maglie ‘corazza’. Menzione speciale per la maglieria, con lavorazioni jacquard valorizzate da interventi in neoprene o in mohair scaricato, leggero, quasi impalpabile.

L’uomo N.°21 al pantalone preferisce invece gonne lunghe a grosse pieghe e camicie hawaiane, mentre a completare i look la borsa Loulou e ai piedi mocassini dal tacco basso e punta metallizzata, pump e sandali con tacco laccato.  Una collezione che sembra pensata per lasciarsi alle spalle stereotipi di ogni genere e che è anche un inno al tornare a vivere. "Ora sembra si stia tornando alla normalità, c’è molto fermento - afferma lo stilista -. Se ripartiamo sarebbe una bella cosa per tutti -  Noi non abbiamo avuto un impatto devastante, abbiamo sempre lavorato con l’online e non ci siamo mai fermati. Certo, il momento è stato duro ma non devastante e per il 2022 c’è grande entusiasmo". (di Federica Mochi)  

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza