cerca CERCA
Venerdì 21 Gennaio 2022
Aggiornato: 00:04
Temi caldi

Pakistan: ucciso in commissariato uomo accusato di blasfemia

17 maggio 2014 | 11.36
LETTURA: 2 minuti

alternate text

(Aki) - Un uomo pakistano accusato di blasfemia e' stato ucciso in un commissariato del Punjab, provincia orientale del Pakistan. Il 65enne Khalil Ahmed, appartenente alla comunita' Ahmadiyya, era stato arrestato il 12 maggio scorso, dopo che un negoziante lo aveva accusato di aver offeso l'Islam. Un funzionario di polizia ha riferito all'agenzia Xinhua, a condizione di anonimato, che ieri un uomo in uniforme da poliziotto si e' presentato al commissariato, ha chiesto del detenuto e lo ha ucciso a colpi di pistola. L'uomo e' stato arrestato, ma non si sa ancora se fosse un poliotto e per quali motivi abbia agito.

La legge pakistana sulla blasfemia e' in vigore dagli anni Ottanta ed e' molto criticata perche' da' una definizione molto ampia del reato e prevede pene pesantissime, tra le quali la pena capitale. Tutti i governi che si sono succeduti a Islamabad non sono riusciti a cambiarla, per le forti resistenze degli ambienti piu' conservatori. Nel 2011, il governatore del Punjab e l'ex ministro cristiano Shahbaz Bhatti sono stati uccisi per aver criticato la legge. La setta Ahmadiyya e' considerata eretica in Pakistan, in quanto non riconosce Maometto come il profeta definitivo.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza